Back to Top

Veltroni: lascio!

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Odio dire “l’avevo detto” … ma come mi succede sempre piu’ spesso è vero, l’avevo detto.

L’avevo detto in tempi non sospetti, quando votai per la mozione Mussi; l’ho ripetuto in questi anni a chi me lo chiedeva e pochi mi davano ragione, pochi ascoltavano le mie analisi … eppure erano, almeno in parte, corrette.

Gia’, perche’ il PD è nato male e Veltroni, per quanto si sia sforzato, non è riuscito a gestire l’immenso transatlantico in stile Titanic cui era messo a capo.
E’ nato male perchè gli apparati dei due partiti non sono stati adeguatamente preparati; è nato male perche’ dalla fusione ne è un grosso carrozzone che invece di avere i problemi separati e “gestibili” semplicemente li ha accorpati … e in qst caso i problemi non si sommati in maniera aritmetica ma sono aumentati in modo esponenziale …. con il risultato che l’unico modo di uscirne è un periodo di guerra intestina volto a ristabilire i reciproci ruoli e rapporti di forze, solo che la guerra interna non aiuta quando si è in guerra anche con l’esterno perche’ divide le forze, perche’ disperde le energie … Continue Reading

Nuovo sito SUN

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

logo-sunBellino il nuovo sito della SUN.
Non è ancora completo, ci mancano ancora delle parti ma ad un primo acchitto sembra discreto.
Ma il fatto piu’ innovativo è che e’ stato fatto con Joomla!, CMS Open Source di altissimo livello (che anche io uso su un paio di siti)

Ma andiamo con ordine.
L’aspetto grafico non e’ niente male, la classica configurazione a CMS, su tre colonne.
In qla di sx troviamo le info sull’ateneo e gli strumenti per gli studenti (con l’accesso diretto alle pagine della posta e della carriera), mentre in qla di dx sono localizzati i menu di secondo livello (in pratica i menu’ subordinati alle aree principali). Continue Reading

Aggiornamento a WordPress 2.7.1

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

wp

Strana sorte la mia.
Ogni singola volta che mi accingo a provare una nuova piattaforma ecco che la installo, la inizializzo, inizo ad impararla … e dopo max due settime esce una nuova release.

Cosi’ mi capito’ quando installi Linux per la prima volta, cosi’ mi e’ capitato quando mi sono addentrato nell’universo dei CSM con Flatnuke, cosi m’e’ capitato con Joomla! e cosi’ mi è appena capitato con WordPress! 🙂
🙂

Portali RAI: una tv non per tutti

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Beh, non c’e’ che dire dei nuovi portali RAI … belli, funzionali, innovativi … ma con un solo DIFETTO!

Come sempre la Rai, che tecnicamente dovrebbe esser una televisione PER TUTTI I CITTADINI ITALIANI (e per questo ci fanno pagare anche una tassa di possesso della TV che si chiama CANONE RAI), suddivide i cittadini telematici in due grandi famiglie: quelli che usano i software di Big Mama Micro$oft e quelli che non lo fanno!

Eh gia’ … perche’ se andate sui portali RAI (Rai.it e Rai.tv) vi renderete conto che se usate IE e il sistema windows nulla questio … ma se usate anche solo un browser diverso (ad esempio Firefox) noterete come sia impossibile vedere i programmi in steaming considerato che si deve scaricare ed installare una specie di add on di Microsoft (Microsoft Silverlight) per poter vedere la cosa … e, magia, questo add on non è molto ben visto dai concorrenti di IE! 🙁
Per non parlare, poi, delle difficoltà che si possono avere quando, OLTRE A NON USARE I SISTEMI PROPRIETARI DI MICROSOFT addirittura si OSA usare un SO diverso (come ad esempio i sistemi Apple o quelli GNU/Linux come nel mio caso!) … in questa configurazione È ADDIRUTTURA IMPOSSIBILE VEDERE QUAL SI VOGLIA COSA IN STREAMING … Continue Reading

GdP di Caserta: la PM non puo' elevare multe su strade non comunali

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

I Corpi di Polizia Locale non possono effettuare accertamenti di violazioni di norme del Codice della Strada su tracciati che non siano di proprietà degli Enti Locali di cui essi siano organi.

Ciò pure nel caso in cui i tracciati in questione attraversino i territori degli Enti Locali interessati.
Lo ha stabilito il Giudice di Pace di Caserta accogliendo il ricorso proposto da un automobilista.
La pronuncia del magistrato onorario segue la sentenza n. 3019 pronunciata dalla prima sezione civile della Corte Suprema di Cassazione in data 01 marzo 2002 e la sentenza del GdP di Cosenza, n. 1575 del 15 giugno 2004.

A mezzo di tale decisione i giudici di ultima istanza avevano già acclarato come, ancorchè al di fuori dei centri abitati, la Polizia Locale fosse legittimata ad operare esclusivamente nell’ambito del territorio dell’Ente di pertinenza.

Sul piano generale, poi, è significativa la nota prot. n. 6729/12B.2/GAB del 17.12.2008, resa dal Prefetto di Caserta ed inviata ai Sindaci ed ai Commissari di tutti i Comuni della Provincia, con la quale, tra l’altro, il Prefetto afferma testualmente: “Non è ammissibile che i predetti strumenti di rilevazione automatica assumano invece diverse funzioni, in difformità dallo spirito e dalla lettera della normativa, divenendo, in pratica, soltanto una fonte atipica di incremento per le entrate comunali e finendo per non assolvere allo scopo per il quale sono stati previsti”.

fonte: Portale di Pignataro Maggiore