Est modus in rebus

università

Il Coraggio di ammettere i fallimenti

il dramma della laurea che non arrivaDi tanto in tanto si leggono (o si sentono da colleghi ed amici) storie simili a questa (Tenta il suicidio a 26 anni nel giorno della sua laurea | Il Mattino). Storie che fanno sempre presa su di me e che mi rattristano. Tutte le persone “comuni” hanno avuto (più o meno) intoppi nel loro percorso accademico … ma la valenza pedagogica degli “esami” sta non solo nelle nozioni che si devono assimilare per superarlo (funzione didattica?) quanto nel percorso che lo studente deve affrontare (anche su di sé) per raggiungere lo scopo.

Ma per talune persone la pressione esterna è forse troppo alta, le aspettative esagerate, l’ansia troppo forte.

Ci vuole CORAGGIO.
Coraggio perché lo scopo di quel lavoro su noi stessi potrebbe anche essere quello di capire che quel percorso di studi o quel progetto di vita non è, in realtà, quello che si vuole.
Ed allora dirlo, ammetterlo può essere un gradino troppo grosso da superare da soli.

Soprattutto in una società in cui non è ammesso sbagliare, dove il fallimento non può essere preso in considerazione, dove se queste cose (sbaglio e fallimento) accadono non è MAI colpa del soggetto interessato ma sempre di soggetti terzi: i docenti, l’allenatore ( e sul ruolo pedagogico dello sport si potrebbe scrivere tantissimo), ecc…
In questo tipo di visione del mondo, in cui si tende a perdere la valenza dell’errore, ammetterne uno, riconoscere una “sconfitta”, può risultare drammaticamente destruente.

Quindi ci vuole INTELLIGENZA.
Intelligenza da parte di tutti. Perché questi ragazzi (forse troppo “fragili”) vanno ascoltati, supportati e accompagnati. Da tutti. Dalla famiglia. Dagli Amici. Dalla società. Dai formatori (attenzione … questo non vuol dire che i docenti debbano “per forza promuovere” … sarebbe esattamente l’opposto. Se elimino l’ostacolo come posso formare alle difficoltà?). Ed a costoro è richiesto anche CORAGGIO perché non è né facile né bello vedere in difficoltà qualcuno cui si vuol bene. Ma l’esser troppo solerti nell’aiutare non sempre è una cosa positiva.

Solo con Coraggio ed Intelligenza queste cose posso essere evitate.

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Qualche giorno fa, proprio mentre #Renzi twittava #arrivoarrivo e #lavoltabuona … il Ministro del’Istruzione Maria Chiara Carrozza annunciava, sempre via Twitter, che aveva firmato il decreto attuativo della riforma di accesso alle scuole di specializzazione di area medica. Twitter @MC_CARRO

Subito dopo, gli insider delle associazioni hanno reso noto sui social network, per grandi linee, i parametri di questa “rivoluzione” che se alcuni documenti che girano per la rete (https://www.facebook.com/download/preview/1460017837562841) fossero esatti, sarebbero grosso modo confermati.

Ma analizziamo un ipotetico concorso fatto sulla scorta di questo schema di decreto ministeriale.

Il concorso sarà un concorso per titoli ed esami al quale potranno partecipare tutti coloro che, alla data di pubblicazione del bando, saranno laureati, anche se non abilitati (a patto che lo siano entra la data di presa di servizio pena la perdita del posto in graduatoria nazionale).
Il bando verrà pubblicato ogni anno entro il 28 febbraio e precederà le prove del concorso di almeno 60 giorni, conterrà sia il numero di contratti e la loro distribuzione sia il programma su cui studiare e le domande di partecipazione dovranno essere inoltrate per via telematica.
Ovviamente per quest’anno, essendo l’anno di prima applicazione, ci sono della eccezioni come quella che prevede l’uscita del bando entro il 31 luglio e la riduzione a 30 giorni tra la pubblicazione e la data delle prove. Continua a leggere

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

repubblica italiana  trasparenteE’ stato convertito in legge diventando la L. 128/13 (per la precisione Legge n. 128/13 del 8 novembre 2013, GU n. 264 del 11 novembre 2013). il DDL 104/2013 (anche chiamato “Decreto Carrozza“).

Eccovi un’analisi fatta dal SIGM sui principali aspetti che questa legge ha modificato per i giovani medici.

  • In breve, vogliamo ricordare l’importanza dell’articolo 21 che, di fatto, istituzionalizza il Concorso a graduatoria nazionale per l’accesso alle Scuole di Specializzazione di area sanitaria: modificando parti salienti del D.lgs. 368/99 rende possibile e facilita l’innesto del tanto atteso DM che il MIUR dovrà pubblicare per riscrivere il regolamento di accesso di un concorso
  • Entro il 31 marzo 2014 il MIUR è chiamato a riorganizzare classi, tipologie e durata dei corsi di formazione specialistica riducendone in alcuni casi la durata, rispetto a quanto previsto dal DM 1 agosto 2005, con osservanza dei vincoli previsti dalla normativa europea (vedasi il caso dell’Oncologia e della Medicina d’Urgenza a 5 anni ad esempio).
  • La riorganizzazione interesserà tutti i nuovi iscritti alle scuole di specializzazione a partire dal prossimo anno accademico 2013/2014. Il Legislatore ha scelto in modo forzato la strada della retroattività per gli specializzandi che nel medesimo anno risulteranno iscritti al secondo ed al terzo anno di corso (gli attuali primo e secondo) e per i quali un apposito Decreto del MIUR provvederà ad adeguare l’ordinamento didattico alla durata ridotta delle scuole interessate. Per gli specializzandi, invece, che nell’anno accademico 2013/2014 saranno iscritti al quarto o successivo anno di corso resta valido l’ordinamento attuale, senza la possibilità di optare al percorso ridotto.
  • L’ultima parte dell’emendamento, invece, può essere sintetizzato come una volontà di rafforzamento della possibilità per i medici in formazione specialistica, già prevista dal vigente assetto ordinamentale, di essere formati all’interno di tutte le aziende parte della rete formativa e non soltanto nei Policlinici Universitari.Fonte: SIGM

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

logo-sunSono online le graduatorie, con la relativa modulistica, del concorso di ammissione alle scuole di specializzazione di area medica della Seconda Universita’ degli Studi di Napoli.

 

Anestesia e Rianimazione
Cardiochirurgia
Chirurgia dell’App. Digerente
Chirurgia Generale
Chirurgia Maxillo Facciale
Chirurgia Pediatrica
Chirurgia Plastica, ricostruttiva ed estetica
Chirurgia Toracica
Farmacologia
Geriatria
Ginecologia ed ostetricia
Igiene e Med. Preventiva
Malattie dell’apparato cardiovascolare
Malattie dell’apparato respiratorio
Medicina Fisica e Riabilitativa
Medicina Interna
Medicina Legale
Medicina del Lavoro
Medicina dell’emergenza – urgenza
Nefrologia
Neurologia
Neuropsichiatria Infantile
O.R.L.
Oftalmologia
Oncologia Medica
Ortopedia e traumatologia
Pediatria
Psichiatria
Radiodiagnostica
Radioterapia
Reumatologia

  moduli iscrizione specializzazione 2013 (per chi non deve optare tra diverse scuole) (2,3 MiB, 1.878 hits)

  Graduatorie Specializzazioni 2012/2013 (4,1 MiB, 4.350 hits)

Twitter
  • Ele 6 febbraio 2018
    A ben vedere , non solo medico, al di là del medico… ‘Sono stanca: un compagno più anziano, con una malattia diventata rapidamente grave. Un VAD, forse un trapianto. Non ci sarò oggi pomeriggio, devo uscire presto per andare al San Camillo. E poi il tirocinio, i corsi, qualche lavoretto’. Una confidenza serena. Due ore […]
    Gigi
  • L’arte della fragilità 10 dicembre 2017
    Il nostro essere viene talvolta così essenzialmente colpito, che può essere fatto a pezzi. Ci sono circostanze in cui non si apprezza niente. La fragilità del nostro essere  è una realtà di cui bisogna tenere conto, per poter coltivare la bellezza e vincere. A passo col tempo, l’essere umano, ha sentito il suo potere crescere. […]
    Dahara
  • Centomila minuti 10 novembre 2017
      “Mi vieni a trovare?”…sussurra la voce sottile dietro un naso affilato e un paio di occhiali ormai diventati troppo grandi per l’estrema magrezza dello sperimentare così tanta malattia…”se mi trasferiscono in in medicina mi vieni a trovare?…ho paura! qua mi state tutti dietro, mi controllate..” Certo che ci vengo, ci vengo tutti i giorni […]
    Benedetta
  • Brutto, sporco e cattivo. 25 settembre 2017
    Mentre lo trasbordano dalla barella dell’ambulanza, emana una nuvola di polvere e un fetore che ti tiene lontano, a metri di distanza; ha una casacca e dei pantaloni luridi, bagnati e spessi da cui cascano piccoli pezzi di terra ed erba e chissà cos’altro Il volto paonazzo, la barba bionda tutta appiccicata, fa tutt’uno con […]
    rem
  • No woman, no cry 23 luglio 2017
      “Vi supplico di essere indignati” (Martin Luther King) Immagino che molti lettori di questo blog abbiano letto di un fatto accaduto all’Ospedale San Paolo di Savona, dove a causa di un devastante sommarsi di pregiudizi, disinformazione e forse addirittura di pettegolezzi di quartiere un paziente ha rinunciato a sottoporsi ad un intervento chirurgico soltanto […]
    Storyteller
Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità alcuna (ex Legge n. 62 del 7 marzo 2001)

Questo sito ed i suoi contenuti, quando non diversamente indicato, sono di proprietà dell’autore e pubblicati, salvo diversa indicazione, sotto una Licenza Creative Commons by-sa
Creative Commons License

Sulle modalità d’uso al di fuori di suddetta licenza si prega di contattare il gestore del sito

I nomi ed i marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari

Website personale di
Mario La Vedova

Content Info
Site last updated 22 febbraio 2018 @ 12:38