Est modus in rebus

Calvi Risorta

ero in giro … stavo distraendomi un po’ tra un capitolo ed un altro quando è saltata agli occhi una notizia che mi ha fatto sorridere.

Calvi Risorta fu salvata da G.I. Joe in persona, o per meglio dire in penne e piume! :) :)

Gia’, avete letto bene: penne e piume! ;)
Infatti “G.I. Joe” era un piccione … un piccione viaggiatore e pare che questo piccolo animale riusci’ a segnalare la presenza di truppe di Sua Maesta’ Giorgio VI a Calvi Risorta, appena in tempo per evitare che un massiccio fuoco di sbarramento, con annesso bombardamento, si abbattesse sulla “ridente” cittadina e coinvolgesse civili e truppe britanniche!

Era una cosa che non sapevo … simpatica come notizia … ;)

Be’, la pausa è finita. si ritorna a studiare.

un saluto

fonti: G.I. Joe – Wikipedia

Nella mia “ridente cittadina” qualcuno ha avuto la brillante idea di disseminare chilometri di asfalto con decine di dossi artificiali allo scopo, ben definito a dire degli ideatori, di salvaguardare la sicurezza di tutti.
Eppure, foss’anche questa cosa vera, io la potrei vedere comunque come una profondissima violenza, come una drammatica ingerenza nella capacità di autodeterminazione del popolo caleno.

Si vuol salvaguardare la sicurezza? Benissimo … nulla quaestio in questo intento: si pongano regole, si impongano divieti normativi (leggi, regolamenti, direttive … insomma regole) che mi lascino, tuttavia, la possibilità di trasgredirvi e di esser punito con le sanzioni che il legislatore ritenga opportune, qualsivoglia esse siano ma mi si lasci la libertà di scegliere! In fondo è un mio diritto, no?
Qui invece no … qui son furbi … qui, a Calvi Risorta, son violenti … qui ti obbligano a fare quello che vogliono loro, qui ti impongono con la forza le regole che loro stessi hanno stabilito. E la mia di volontà? Dov’ è la mia libertà di scelta? Il mio diritto all’autodeterminazione?
Ma il mandato che viene dato dagli elettori a chi è eletto non può e non deve esser così vasto da contemplare anche la depauperazione dei diritti fondamentali dei cittadini stessi.

Viviamo in una società violenta, Violenta perché ti costringe a violare le regole non già per avere un vantaggio sugli altri, ma per esser al loro stesso livello e non Continua a leggere

Ogni tanto questa mia terra riesce ancora a stupirmi, a meravigliarmi e a farmi credere che, se esistono certi colpi (tanto improvvisi quanto folgoranti) di intelligenza, allora un po’ di speranza c’è!

Questa volta a meravigliarmi è stata l’idea di un Professionista dell’Informazione, Silver Mele, che ha fondato una WEB TV interamente dedicata agli accadimenti dell’Agro Caleno: Cales Channel

Non staro’ qui a dilungarmi su questa iniziativa; non staro’ qui a descriverne l’idealità e la forza espressiva, la positività e la potenza informativa (che, d’altronde, solo Internet può dare … ) o la stupefacente “semplicità” dell’idea … non lo faro’ giacche’ queste caratteristiche sono intrinseche al progetto stesso di una WEB TV!

Dirò, invece, semplicemente un “Bravo!” a Mele e al suo staff (sperando che non faccia la fine di Defoe!) ed “in bocca al lupo”!!!

Twitter
  • Il caffè del morto 24 ottobre 2016
    “Viviamo in una società in cui la morte è un tabù. La si vede al cinema, alla televisione, sui giornali, ma è sempre qualcosa di astratto e lontano che riguarda gli altri. Non se ne parla, non ci si pensa, e quando tocca l’individuo da vicino c’è un lavoro molto profondo da fare per permettergli […]
    Salvatore Nocera
  • Provare l’ambu 24 settembre 2016
    Tanti anni fa, circa del 1988, quando ero ancora anestesista implume e ignorante (quest’ultimo lo sono rimasto) fui inviato in consulenza in un ospedalino periferico, monospecialistico medico, che assisteva molti pazienti cronici. Ad uno di questi pazienti cronici, una SLA con paralisi ormai quasi completa, tracheostomizzato e ventilato, era necessario, mensilmente, sostituire la cannula tracheale, […]
    Herbert Asch
  • Il Paradiso – sogno di un’anestesista in pensione 7 settembre 2016
    “in fondo abbiamo sempre avuto a che fare con la fermata precedente al paradiso, ma noi cerchiamo di fare scendere la gente lì e non farla proseguire… H.Asch” Dovevo chiudere la finestra. Eppure lo so che quando c’è la luna piena devo chiuderla. Per non farla entrare. La luce argentea mi abbaglia. E mi toglie […]
    Magamagò
  • Non solo Barbapapà 9 agosto 2016
    Alì (nome di fantasia che sostituisce un nome ben più complicato di “Armando”) sta nel suo letto bello pacifico. La collega in consegna mi ha descritto il decorso post operatorio, le infusioni in corso e lo stato generale del malato: buono. Entro subito in camera per dargli un occhio; è in prima giornata e anche […]
    supergiovan8
  • Reperibilità 1 agosto 2016
    Driiin!!! All’una di notte…suona il cellulare! “Vieni giù che c’è casino!” . Accidenti! Proprio mentre pensavo di averla sfangata e finalmente, sotto il peso di palpebre inesorabilmente calanti, affievolitosi il consueto stato di vigile allerta, mi arrendevo al sonno ristoratore, sullo scomodo divano anti…coma di casa, già, opportunamente in abiti civili, coi piedi avvolti da […]
    zarianto
HiStats




statistiche siti web






Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicià alcuna e, pertanto, non rappresentano "prodotto editoriale" si sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001

Questo sito ed i suoi contenuti, quando non diversamente indicato, sono di proprietà dell'autore e pubblicati, salvo diversa indicazione, sotto una Licenza Creative Commons by-sa
Creative Commons License

Sulle modalità d'uso al di fuori di suddetta licenza si prega di contattare il gestore del sito

I nomi ed i marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari

Background Image by Saffron Blaze (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Website personale di
Mario La Vedova

Content Info
Site last updated 4 settembre 2016 @ 13:22