Back to Top

Monthly Archives: febbraio 2012

John Carter di Marte: il Signore di Barsoom

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Correvano i primi anni ’90 ed io, giovane ed inesperto lettore, ero del tutto all’oscuro di quel genere letterario che poi mi ha assorbito e ed ha segnato la mia formazione e mi ha portato ad amare due capostipiti del genere come Tolkien ed Asimov: il Si-Fi e il Fantasy.

Un bel giorno mia madre si presentò a casa con un libro con una bella copertina “oro”, dai vividi colori e dalle immagini che colpivano (anche se, come avrei scoperto successivamente, poco c’entravano con il contenuto del libro) ed un titolo che mi incuriosì: “La Mente di Marte”.

Era un libro scritto da un tipo con un nome strano, un libro che parlava di un mondo marziano fantastico, decadente e morente, chiamato Barsoom, un libro che di questo mondo descriveva bene la geografia in cui era ambientato, la storia e la società dei popoli che lo abitavano (non certo come Tolkien ma lo spessore culturale dei due autori è immensamente diversa!).

Questo mondo fantastico, a cavallo tra Si-Fi e Fantasy, incominciò ad appassionarmi e, alla fine del libro, mi ritrovai a cercare – in  maniera quasi “spasmodica” – gli altri racconti che costituivano “il ciclo di Marte” di Edgar Rice Burroughs (era questo il nome dell’autore ed è ben più noto, ingiustamente secondo me, per esser l’autore di Tarzan).
Era in un epoca in cui avere accesso alle informazioni non era facile come ora (essì, parliamo comunque di oltre 15anni fa!) ed era esponenzialmente più complesso per un ragazzino che, come me, viveva in un paesino del sud e cercava libri di una casa editrice “piccola”  e poco conosciuta 🙁

Continue Reading

Le responsabilita’ di chi sbaglia: due pesi e due misure tra magistrati e tutti gli altri?!

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

I magistrati stanno facendo un bel protestare contro la norma che li vede protagonisti nel dibattito sulla responsabilità civile, ed io n avrei mai pensato di esser pienamente daccordo con un emendamento pienamente “verde” come questo ma tant’è 🙂

Io credo una cosa … che se una persona sbaglia sia non solo giusto ma anche doveroso che paghi per i propri errori … ed allora non capisco perché un medico che oggettivamente sbaglia DEVE rispondere del proprio errore ed un magistrato che compie lo stesso errore debba essere esentato e esonerato dallo stesso trattamento.

Non vale forse anche per loro il discorso che SIAMO TUTTI UGUALI DAVANTI ALLA LEGGE … o forse lo siamo tutti tranne coloro che la amministrano?

Non ho capito per quale strana teoria filosofica se, per esempio, un medico è causa, per negligenza, imprudenza o imperizia, di una lesione gravissima (in cui si perde un senso o una funzione) allora debba – giustamente – pagare andando in carcere e risarcendo la “parte offesa” mentre se un magistrato, con le stesse aggravanti, priva un cittadino, per esempio, della libertà personale allora  se ne debba uscire, al massimo e se è una persona intellettualmente onesta, con un “scusate, mi dispiace” e nulla più!

Non è forse il diritto alla libertà personale altrettanto importante che il diritto alla salute?

Continue Reading