Est modus in rebus

Archivi del mese: febbraio 2009

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

E proprio in virtù del fatto che le cose non vengono mai sole (come dimenticare quella cena da Achille di un paio di anni fa? 🙂 ) sono appena tornato da una disavventura.

Ebbene si, sono uscito qst sera con l’intenzione di andare al cinema gratis a vedere un film caruccio … siamo arrivati li e le riduzioni erano finite, sono andato a vedere un film che NON FINIVA PIU’, piattissimo che non era malaccio ma poteva esser organizzato meglio con i tempi (ndr: Il curioso caso di Benjamin Button ) e, come degno finale … LA MITICA CLIO CI HA LASCIATO A PIEDI SULL’A1 a 2 km dal’uscita ed abbiam dovuto chiamare l’ACI per farci venire a prendere (e meno male che ho la tessera della Total che mi da assistenza gratuita!!)

E meno male che ho potuto affrontare sta “disavventura” con il sorriso sulle labbra, che se mi fosse successo ieri sera sarebbe stata una tragedia! 🙂

[simage=55,160,n,right]Un grazie sentito va ai miei compagni di sventura, Marco, Pierangelo e Denis che non mi hanno lasciato solo sull’autostrada e con i quali ci siamo fatti una marea di risate aspettado per una buona mezz’ora il carroattrezzi del soccorso stradale!!!!

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Sono appena tornato dalla montagna … sono stato a fare il “boscaiolo”, a tagliar legna e a caricarla sui carrelli!

Non volevo andare, ero “sad” (come potete ben vedere dal mio twitter) ma poi sono dovuto andare a vedere che combinavano su in montagna gli operai.

Son partito scettico, ero cosi’ giu che nemmeno una bella giornata come quella di oggi mi faceva effetto ma man mano che il suv (e guai a chi dice che sono intuili) preseguiva lungo questa strada rurale qualcosa si smuoveva … iniziavo a notare il verde intenso dell’erba che cresce reso vivo da quelle piccole, impercettibili bestioline che elegono il sottobosco a casa, il caldo del sole, l’odore di “vita nuova” che, prepotente, si imponeva alla mia attenzione e, complice una bella canzone di Simona Molinari (qla di Egocentrica di sanremo) mi sono accorto che la lunga, rigenerante, pausa invernale è oramai alle ultim battute. Continua a leggere

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Non sono mai riuscito a capire perchè in Italia TUTTI debbano pagare se sbagliano, tutti debbano pagare se abusano del proprio potrere … TRANNE I MAGISTRATI.

Si, proprio coloro che sono così solerti (e neache poi tanto) ed inflessibili nel giudicare gli altri … poi trovano sempre scuse ed attenuanti per se stessi … che sono puramente formali perche’, a quanto mi risulti, se qualcuno chiede scusa per un suo errore lo fa per mera e PERSONALISSIMA QUESTIONE DI COSCIENZA nongià perchè “costretto”.

Eppure qualcuno diceva che le persone migliori sono quelle che sono indulgenti con gli altri ma severissime con loro stesse. Continua a leggere

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Logo FB

Roma – Facebook non attenta al diritto d’autore dei netizen, non intende appropriarsi delle loro vite online, né arrogarsi inquietanti diritti sui contenuti postati. Le modifiche alle condizioni di utilizzo del servizio, spiegano da Facebook, sono da imputare alla realtà contingente: se l’utente abbandona il social network, la piattaforma non può assicurare la rimozione dei contenuti che lui stesso ha disseminato fra i nodi della propria rete sociale.

L’apprensione era montata nei giorni scorsi. Una modifica ai terms of service stabiliva che, oltre a detenere una licenza perpetua, irrevocabile e trasferibile che consente ai gestori della piattaforma di fare ciò che vogliono dei contenuti postati dagli utenti, Facebook si sarebbe riservato di conservare i contenuti postati dai netizen che avessero disattivato il proprio account. Continua a leggere

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Odio dire “l’avevo detto” … ma come mi succede sempre piu’ spesso è vero, l’avevo detto.

L’avevo detto in tempi non sospetti, quando votai per la mozione Mussi; l’ho ripetuto in questi anni a chi me lo chiedeva e pochi mi davano ragione, pochi ascoltavano le mie analisi … eppure erano, almeno in parte, corrette.

Gia’, perche’ il PD è nato male e Veltroni, per quanto si sia sforzato, non è riuscito a gestire l’immenso transatlantico in stile Titanic cui era messo a capo.
E’ nato male perchè gli apparati dei due partiti non sono stati adeguatamente preparati; è nato male perche’ dalla fusione ne è un grosso carrozzone che invece di avere i problemi separati e “gestibili” semplicemente li ha accorpati … e in qst caso i problemi non si sommati in maniera aritmetica ma sono aumentati in modo esponenziale …. con il risultato che l’unico modo di uscirne è un periodo di guerra intestina volto a ristabilire i reciproci ruoli e rapporti di forze, solo che la guerra interna non aiuta quando si è in guerra anche con l’esterno perche’ divide le forze, perche’ disperde le energie … Continua a leggere

Twitter
  • L’arte della fragilità 10 dicembre 2017
    Il nostro essere viene talvolta così essenzialmente colpito, che può essere fatto a pezzi. Ci sono circostanze in cui non si apprezza niente. La fragilità del nostro essere  è una realtà di cui bisogna tenere conto, per poter coltivare la bellezza e vincere. A passo col tempo, l’essere umano, ha sentito il suo potere crescere. […]
    Dahara
  • Centomila minuti 10 novembre 2017
      “Mi vieni a trovare?”…sussurra la voce sottile dietro un naso affilato e un paio di occhiali ormai diventati troppo grandi per l’estrema magrezza dello sperimentare così tanta malattia…”se mi trasferiscono in in medicina mi vieni a trovare?…ho paura! qua mi state tutti dietro, mi controllate..” Certo che ci vengo, ci vengo tutti i giorni […]
    Benedetta
  • Brutto, sporco e cattivo. 25 settembre 2017
    Mentre lo trasbordano dalla barella dell’ambulanza, emana una nuvola di polvere e un fetore che ti tiene lontano, a metri di distanza; ha una casacca e dei pantaloni luridi, bagnati e spessi da cui cascano piccoli pezzi di terra ed erba e chissà cos’altro Il volto paonazzo, la barba bionda tutta appiccicata, fa tutt’uno con […]
    rem
  • No woman, no cry 23 luglio 2017
      “Vi supplico di essere indignati” (Martin Luther King) Immagino che molti lettori di questo blog abbiano letto di un fatto accaduto all’Ospedale San Paolo di Savona, dove a causa di un devastante sommarsi di pregiudizi, disinformazione e forse addirittura di pettegolezzi di quartiere un paziente ha rinunciato a sottoporsi ad un intervento chirurgico soltanto […]
    Storyteller
  • Questo o quello… per me pari sono 6 luglio 2017
      Stanotte gliela voglio raccontare io una storia a quella dottoressa che scrive racconti nelle pause, brevi pause notturne, durante il suo lavoro in Rianimazione. Io lo so che a volte scrive al computer quello che le passa per la mente, quello che le passa per il cuore: ognuno di noi ha un suo modo […]
    Magamagò
Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità alcuna e, pertanto, non rappresentano “prodotto editoriale” si sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001

Questo sito ed i suoi contenuti, quando non diversamente indicato, sono di proprietà dell’autore e pubblicati, salvo diversa indicazione, sotto una Licenza Creative Commons by-sa
Creative Commons License

Sulle modalità d’uso al di fuori di suddetta licenza si prega di contattare il gestore del sito

I nomi ed i marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari

Website personale di
Mario La Vedova

Content Info
Site last updated 14 novembre 2017 @ 21:45