Back to Top

Category Archives: Personale

Il Mare … il rumore del Mare

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

[simage=227,320,y,left]Ascea (Sa)
Domenica 15 nov 09, ore 7.50

Il Mare è nell’aria …

Mi ci voleva proprio questa week-end. Ho passato ore piacevoli con nuovi amici. E’ stato bello dormire, di nuovo, dopo tanto tempo, con il dolce cullare delle onde che si infrangono sulla battigia.
Il pensiero è andato a momenti, a cose e a persone lontane nel tempo e nello spazio ma non solo … anche a persone e a vicende vicine, a pezzi del mio Cuore che ora soffrono, che soffrono per cose successe su queste stesse spiaggie su cui si rompono, come i loro sentimenti, le onde; sotto quelle stesse stelle che l’altra sera splendevano, come le emozioni di quei momenti, chiare e limpide sulla mia testa come solo in una tersa e fredda notte di inizio inverno può succedere; che davanti a questo stesso, placido, mare hanno vissuto e l’hann fatto intensamente e solo questo conta … perché meglio aver combattuto, aver amato ed aver perso che non averci mai provato perche’ paralizzati dalla paura di quello che sarebbe potuto succedere. Ed anche se ora non sanno quello che sentono, quel che vogliono ne, tanto meno, come ottenerlo … beh, in fondo al loro Cuore c’è già la risposta ai loro dubbi, alle loro sofferenze, così come c’è scritto che, qualsiasi cosa succeda loro, non saranno mai sole Continue Reading

Tanto da imparare dalle donne

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Ebbene, caro Blog, SALVE!

E’ parecchio che non scrivo su queste pagine … sono state settimane, mesi particolarissimi … molto “tosti”, duri e con tante TANTE amarezze e delusioni; mesi in cui mi son trovato, di nuovo, più e più volte costretto a limare le mie esigenze, a ridimensionare i miei sogni, ad avvicinare i miei orizzonti … 🙁
Un periodo in cui sembra che nulla vada per il verso giusto, per quanto tu voglia giocare bene le tue carte, le mani che sono uscite non sono state per nulla fortunate e gli altri giocatori hanno avuto punti piu’ alti dei miei 🙁

Un periodo in cui per davvero mi sono reso conto, per quanto gia’ lo sapessi, di quanto sono importanti certe persone per me, di quanto questi amici mi siano affezionati (ed adesso so anche con la mente, non solo con il cuore, che non mi lasceranno se non difficilmente!) … devo più di un grazie a più di una persona ma un GRAZIE di quelli seri.
Un Grazie a chi mi è venuta letteralmente a prendere “per i cravattini” quando stavo per precipitare;
Un Grazie a chi mi ascolta ogni giorno anche se dice che non ce la fa più a sentire sempre le stesse stronzate;
Un Grazie a chi mi ha dato un sorriso e mi ha fatto capire tante, tante cose … che mi ha convinto a farmi tornare, per quanto possibile con i segni del tempo, alla filosofia di un tempo … ad avere uno “svoltone”! Continue Reading

Una dannata estate

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Signori …
è un po’ che non mi faccio vivo su questo spazio web!

“Ciò mi tormenta più che questo letto” direbbe Farinata degli Uberti, ma purtroppo la mia mente è impegnata da tante cose .. belle e brutte.

Un bel periodo non è … con una marea di bassi e qualche “spike” che però non riesce ad alzare la media in maniera convincente e, sopratutto, importante.

Una crisi che, grazie a persone che mi vogliono bene, sto cercando di superare senza troppi danni, evitando di prendere decisioni importanti sull’onda delle delusioni del momento (non che di solito lo faccia … ma son comunque, per temperamento e carattere, portato a farlo!) … ora come ora ho ha bisogni di due cose. TEMPO ED AMICI e, se dell’uno credo di averne poco, dell’altro ne ho (o almeno così spero .. ma se i prodromi son questi difficilmente resterò deluso! :)) in quantità adeguata (che poi potrebb e partire una speculazioni sul come e quanto un numero di amici si possa definire “adeguato” o “sufficiente” un qualcosa come gli Amici … e, sopratutto, se esiste un limite al numero di Amici! … ma qui non ci inoltriamoo che è meglio!)

Ok, vi lascio dopo questo brevissimo post che doveva esser un saluto e vi dico BUONA ESTATE (adesso che GIUNEMBRE è finito! 😉 )

—————-
On Air: Alicia Bridges – I Love The Nightlife
via FoxyTunes

Una questione di tempi e di coincidenze

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

[quote]

E’ impressionante quanto un gioco di tempi, di coincidenze possa decidere del destino di una storia

Magari se due persone si fossero incontrare un mese prima o un mese dopo avrebbero fatto faville … ma invece no, si sono incontrate proprio in quell’instante in cui lui era troppo preso dal tenere a bada la sua ex o lei era “distratta” da problemi di lavoro e non hanno avuto il tempo (fisico e mentale) per prestare all’altro quella dose di attenzione (minima eppure necessaria) per accorgersi che davvero quella era La Persona che stavano aspettando … o magari no, ma solo una persona che avrebbe potuto esserlo …

Magari uno dei due si accorge dell’altro, sente che potrebbe essere Lei/Lui quello giusto ma non puo’/vuole aspettare che l’altro sia disponibile ad avere la stessa “attenzione”;
magari aspetta ma poi quando l’altro è finalmente si rende conto è lui stesso che ha perso interesse;

In ogni caso solo un gioco di tempi e di coincidenze … e alle volte questo basta per decidere di una storia.

C’è chi penserebbe che non era destino, chi semplicemente che è il caso non ha voluto, chi darebbe la colpa alla sfortuna e chi, pragmaticamente, farebbe spallucce e passerebbe semplicemente ad altro, chi …

Io che non amo incasellare gli Uomini (seppur mi renda conto che talvolta questa semplificazione è necessaria!) non so in quale di quelle classi mi metterei … non lo so.

Forse, se fossi cosi’ “fortunato” da riuscire a sentire qualcun altro, aspetterei un po’ … o forse no: non lo so.

So solo che questo gioco di tempi e coincidenze puo’ decidere il futuro di una storia, ma puo’ anche non farlo … perche’ come tutti ben sappiamo, sono in ballo anche ben altre entità in queste “cose” di Cuore, o no?

—————-
On Air: Tracy Chapman – The First Person on Earth
via FoxyTunes

La migliore cura: gli altri!

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Una delle domande più frequenti che mi fanno è come diavolo faccio ad esser sempre son il sorriso sulle labbra, di buon umore,allegro ed ottimista … beh, amici miei, la risposta è presto formulata e si basa su una convizione tanto personale quanto radicata: perché la migliore medicina, il “migliore antidepressivo sono gli altri” (come giustamente titolava un articolo di Marina Terragni).

Forse è per questo che amo andare in facoltà, andare in H (anche se alle volte scazzo come questa mattina … ma menomale che ci sono i Ragazzi .. ahahahahahah!!); sarà per questo che ho scelto questo lavoro che più vado avanti e più mi rendo conto che è forse l’unico che potrei davvero fare.
Magari potrei esser un grande in altri campi, ma non mi darebbero lo stesso feedback del futuro che sto cercando, contro il fato, di costruirmi.

Forse è per questo che amo fare volontariato, usare quel poco tempo che ho a disposizione per cercare mettere a disposizione degli altri il mio know how e il mio cuore.

E sarà sempre per questa ragione che quando tutte queste cose iniziano a scarseggiare nella mia vita iniziano i periodi di umore altalenante, di scazzi, periodi in cui, come dico sempre ai miei amici, “ho il ciclo” (vero Mary?)

Non lo so … non ne ho ancora appieno coscienza. Ma sono certo che l’Empatia, l’Altruismo, la Solidarità … insomma in ultima analisi l’Amore per gli altri è la migliore cura per l’Uomo .

Un post un po’ così … dopo una giornata serena (la prima dopo non ricordo neppure più quanto tempo), stancante; un post così a “pensieri sparsi” … ed anche un post di ringraziamento per quanti mi sopportano nel corso delle mie peregrinazioni mentali e non! 🙂   🙂

On Air: Tracy Chapman – At This Point in My Life