Back to Top

Category Archives: Cultura

If Joomla! is Linux, then WordPress is Mac OS X

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

‘If Joomla! is Linux, then WordPress is Mac OS X. WordPress might offer only 90% of the features of Joomla!, but in most cases WordPress is both easier to use and faster to get up and running.’

Con questa frase inizia un articolo caruccio che confronta due delle piattaforme che ultimamente sto imparando ad amare: Joomla! e WordPress.

L’incipit è quanto di piu’ vero si possa scrivere in un confronto tra i due perche’ è proprio per questa ragione che per i siti “complessi” che gestisco ho scelto Joomla! (abbandonando FN non gia’ perche’ non all’altezza ma perche cercavo qualcosa di nuovo e piu’ piu’ “fine”) ma per il mio semplice sito personale ho scelto WordPress.

WordPress è molto piu’ “user-friendly” rispetto al CMS Joomla! (anche se WP non puo’ esser definito, tecnicamente un CMS nonostante tutte le features che vi si possono installare e con le quali si puo’ arricchire!), con un aspetto grafico, per chi non si intende di CSS e di Web Design, il piu’ delle volte migliore rispetto ai templates disponibili per Joomla.
Inoltre la facilita’ e l’immediatezza della configurazione di WP è davvero impressionante cosi’ come la facilita’ di gestione del sito in WP rispetto ad uno in J! è  lampante pur tuttavia stiamo sempre a livelli altissimi delle due piattafome, ben oltre un 9 (quasi una A per i paesi Anglosassoni!)

Ovviamente io sto parlando di un utente medio che conosce solo le basi di PHP e di CSS, che ha una minima dimestichezza con Apache e con MySQL, e che vorrebbe avere uno spazio dinamico e non la classica pagina statica pre Web 2.0 giacche’, da linuxaro, sono intimamente convito che Joomla!, in mani esperte, sia molto piu’ malleabile (e quindi adattabile a tutte le esigenze) rispetto a WP. Continue Reading

Responsabilizzazione dei Magistrati

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Non sono mai riuscito a capire perchè in Italia TUTTI debbano pagare se sbagliano, tutti debbano pagare se abusano del proprio potrere … TRANNE I MAGISTRATI.

Si, proprio coloro che sono così solerti (e neache poi tanto) ed inflessibili nel giudicare gli altri … poi trovano sempre scuse ed attenuanti per se stessi … che sono puramente formali perche’, a quanto mi risulti, se qualcuno chiede scusa per un suo errore lo fa per mera e PERSONALISSIMA QUESTIONE DI COSCIENZA nongià perchè “costretto”.

Eppure qualcuno diceva che le persone migliori sono quelle che sono indulgenti con gli altri ma severissime con loro stesse. Continue Reading

Facebook: i vostri dati appartengono alla rete

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Logo FB

Roma – Facebook non attenta al diritto d’autore dei netizen, non intende appropriarsi delle loro vite online, né arrogarsi inquietanti diritti sui contenuti postati. Le modifiche alle condizioni di utilizzo del servizio, spiegano da Facebook, sono da imputare alla realtà contingente: se l’utente abbandona il social network, la piattaforma non può assicurare la rimozione dei contenuti che lui stesso ha disseminato fra i nodi della propria rete sociale.

L’apprensione era montata nei giorni scorsi. Una modifica ai terms of service stabiliva che, oltre a detenere una licenza perpetua, irrevocabile e trasferibile che consente ai gestori della piattaforma di fare ciò che vogliono dei contenuti postati dagli utenti, Facebook si sarebbe riservato di conservare i contenuti postati dai netizen che avessero disattivato il proprio account. Continue Reading

Eutanasia ed Eubiosia

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Vi posto qui un intervento che ho fatto su un Forum della CRI … credo possa interessare piu’ di qualcuno.

P.S.
Per i commenti vi prego, se potete e se volete, fatemeli su mariolv.netsons.org

——–

Elena … come al solito pungolo di coscienze e intelletti, il discorso è molto ampio, molto complesso e molto “temporale”

Si potrebbe, anzi si DOVREBBE fare, per rispondere in maniera esaustiva ai tuoi tre quesiti, un discorso organico ma questo non credo sia il posto adatto o il momento buono per siffatta speculazione filosofica (nel senso piu’ ampio del termine!).
Quindi cerchero’ di rispondere ai quesiti in maniera separata e concisa fermo restando i limiti del tutto personalistici e temporali che il discorso, proprio per una sua connotazione intrinsecamente legata al vissuto di ciascuno, deve avere.

Tu chiedi: c’e’ un limite tra accanimento terapeutico (non sono molto d’accordo su quello diagnostico essendo quest’ultimo un momento particolare dell’opera medica che puo’ esser, al di la dei possibili accertamenti strumentali, una mera e pura attivita’ intellettuale che distingue il chirurgo – nell’accezione classica e semiologica del termine – dal Medico a tutto tondo e che quindi, come tale, non puo’ esser trascinata alla deriva nella crudelta’ dell’accanimento) ed eutanasia.
Beh il limite c’e’ ed è espresso sia in termini giuridici che in termini etico-filosofici e si va a fondere con l’altra domanda che tu poni, ovvero quella che rigurda l’eubiosia (nel suo significato puro di “buona vita”)
Continue Reading