Est modus in rebus

Cultura

Vejentana 2014 - l'esercitazione di Anpas Lazio

Serata in hamburgeria con i soccorritori del 118, ed io sono sempre piuttosto monotono. Parlo sempre di lavoro.

Sono quelle serate con gente che conosci poco, con cui ti capita di condividere un turno, qualche birra ogni tanto. Giusto per non fare la figura dell’orso, il mio animale specchio.

Esco a fumare una sigaretta con C. che mi chiede come è andata l’ultima settimana…. Male, rispondo.

Nell’ultima settimana – di merda – ho avuto la sfiga cosmica di occuparmi di tre ventenni, che sono finiti uno peggio dell’altro.

Racconto brevemente il caso del 21enne morto di meningite, non mi vergogno di dire che ho pure pregato perchè rimanesse nell’aldiquà. E la soccorritrice, con un sorrisetto, mi dice: “Beh, non ti ci sei ancora abituato?”.

No cazzo, non mi ci sono abituato. Neanche un pò.

A. aveva 21anni. Al rientro dalle vacanze dapprima un vago malessere, una perdita di coscienza in stazione con intervento del mezzo avanzato ed immediato trasporto nella rianimazione di D., dove le condizioni sono apparse subito critiche. GCS 15 in rapido scadimento con una TC encefalo fortunatamente libera da sanguinamenti, scambi osceni. Sedazione, IOT, rachicentesi. Risultato: meningite da neisseria.

La banale copertura antibiotica parte subito, ma non serve ad arrestare la bestia. Una bestia che si mangia A. ogni ora che passa. A 24 ore dal tubo ci chiamano, il Paziente satura 37. Non sapevo che un saturimetro potesse essere affidabile fino a valori così bassi, ma l’EGA conferma. Come sempre il mio compito è fare l’idraulico, ovvero mettere in ECMO ARDS, shock cardiogeni, ecc. ecc..

Al mio arrivo in quella che definirò rianimazione periferica A. è già evidentemente oltre ogni ragionevole speranza di sopravvivenza. La porpora forma delle macchie liquide dal ginocchio e dai gomiti in giù, impedendo al sangue di raggiungere i tessuti. Non trattengo un “Minchia!” quando vedo le gambe. Le urine sono a lavatura di carne (quei pochi ml), Crea 13, CPK 75000, Lac 20, pH 6.8, CO2 30, PaO2 40, HCO3- 24, BE – 20.

Mi avvicino al letto: i colleghi hanno fatto moltissimo, e A. sembra Cristo in croce.

E’ poco più che un cucciolo. Ce la mettiamo davvero tutta: incannuliamo, contropulsiamo, Ceprotin ed accarezziamo l’idea di un plasma exchange.

Di ammalati così ne ho già visti un tot, e ricordo un solo sopravvissuto.

Continua a leggere

Con la pubblicazione del Bando per il #concorso #nazionale2014 (DM 612/2014), è stato pubblicato anche il numero definitivo di contratti messi a disposizione degli aspiranti specializzandi.

Come avete notato nei giorni scorsi, un po’ per diletto, un po’ perché convinto che potesse esser utile a quanti, in questi giorni, sono alle prese con la scelta delle 6 opportunità da cogliere, ho messo su una piccola analisi statistica storica sui tend e sulle distribuzioni dei posti sul territorio nazionale.

Ebbene, i vecchi li ho aggiornati ed ho inserito tutto in un unico file che vi propongo.

Il file è liberamente scaricabile e modificabile, ma è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso mariolv@outlook.com

in questo file:

Allergologia Endocrinologia Neurologia
Anestesia Gastroenterologia Neuropsichiatria Infantile
Cardiochirurgia Ginecologia Oculistica
Cardiologia Igiene Oncologia
Ch. dell’App. Digerente Malattie Infettive ORL
Ch. Generale Med. del Lavoro Ortopedia
Ch. Maxillo – Facciale Med. Interna Pediatria
Ch. Plastica Med. Legale Pneumologia
Ch. Toracica Med. Nucleare Psichiatria
Ch. Vascolare Medicina Emergenza Urgenza Radiologia
Dermatologia Nefrologia Radioterapia
Ematologia Neurochirurgia Urologia

Licenza Creative Commons

 

 

Arriva finalmente a destinazione l’iter per il primo concorso nazionale per l’accesso alle scuole di specializzazione di area medica: è pubblicato il D.M. 612 del 08 agosto 2014 che contiene il bando per il concorso nazionale di quest’anno.

Dopo il DM 105/2014 che ha rivoluzionato fa formazione post – laurea dei medici italiani, il bando che esce oggi risolve parecchi dei dubbi che gli aspiranti specializzandi hanno nei confronti di questo nuovo concorso.

Tra le cose attese con maggiore intensità ci sono le date della prima e della seconda prova del concorso che, in questo decreto, sono stabilite per tra il 28 ed il 31 ottobre 2014 (prima prova il 28, poi a seguire 29, 30 e 31 per la seconda prova rispettivamente di area medica, chirurgica e servizi).

Ma vediamo nel dettaglio cosa prevede questo bando.

In primo luogo le domande di partecipazione potranno essere inoltrate per tutto il mese di settembre (dal 1/09 al 30/09) per via telematica sul sito www.universitaly.it e dovrà essere corredata dal versamentod di € 30,00 (a differenza di quanto si diceva nelle anticipazioni in cui si parlava di € 100 per finanziare l’aumento dei contratti).

Per quanto riguarda i punteggi, come dicevo nel post precedente, sono confermati quelli del decreto carrozza ovvero i 15 punti a disposizione di una Commissione Nazionale così ripartiti.

Voti di laurea

Media degli esami

Voti esami attinenti

Altri titoli

  • 110 e lode = 2 pt;
  • 110 = 1,5 pt;
  • 108 a 109 = 1 pt;
  • 105 a 107 = 0,5 pt;
  • Media > 29,5 = 5 pt;
  • Media > 29 = 4 pt;
  • Media > 28,5 = 3 pt;
  • Media > 28 = 2 pt;
  • Media > 27,5 = 1 pt
  • 1 pt per ogni 30 o 30 e lode;
  • 0,7 pt per ogni 29;
  • 0,5 pt per ogni 28;
  • 0,2 pt per ogni 27.
  • Tesi sperimentale = 1 pt;
  • Dottorato di Ricerca = 2 pt;

Max: 2 pt

Max: 5 pt

Max: 5 pt

Max: 3 pt

Da notare che i 3 punti aggiuntivi non saranno attribuititi a specialisti o specializzandi (esclusi quindi, a quanto pare, i corsisti di medicina generale).

Altra cosa peculiare è come si “scelgono” gli esami attinenti. Infatti, nell’allegato 2 ci sono gli elenchi degli insegnamenti ritenuti fondamentali e caratterizzanti. Ora, in base agli SSD (i settori scientifico – disciplinari) il candidato puà scegliere a sua discrezione quale esame indicare come “attiente” rispettando tuttavia alcuni parametri. Infatti tra tutti quelli che hanno un particolare SSD il candidato deve scegliere quello che abbia almeno 6 CFU se corso integrato o 4 CFU se materia singola se sono fondamentali, mentre se sono caratterizzanti allora 3 CFU se corsi integrati o 2 CFU se materia singola.

Circa le due prove d’esame al DM è allegato un documento ad hoc (all. 2) che specifica le modalità di svolgimento. Noi ci limiteremo a dire che le prove, della della durata di 120 minuti per i 70 quesiti della prima parte della prova; 70 minuti per i 30 quesiti della seconda parte della prova comune per Area e 30 minuti per i 10 quesiti della seconda parte della prova specifica per singola Scuola, si volgeranno in maniera telematica con un terminale, messo offline, privo di tastiera e con il solo mouse cui ci si dovrà autenticare con il codice fiscale.

Prova

Data

Prima parte (Comune a tutte le Scuole)

28 ottobre – inizio ore 11.00

Seconda parte – Scuole di AREA MEDICA

29 ottobre – inizio ore 11.00

Seconda parte – Scuole di AREA CHIRURGICA

30 ottobre – inizio ore 11.00

Seconda parte – Scuole di AREA DEI SERVIZI CLINICI

31 ottobre – inizio ore 11.00

Inoltre, nelle sedi concorsuali dovranno essere predisposte delle postazioni di “recovery devices” per eventuali malfunzionamenti.

Al termine della prova, come specificato dall’allegato 1, si avrà già il punteggio effettuato.
Inoltre, qualora il candidato dovesse concorrere per piu scuole della stessa area egli risponderà nei primi 30 minuti ai quesiti della prima scuola e altri 30 minuti per le domande specifiche della seconda scuola (l’ordine delle scuole sarà quella alfabetico).

I punteggi attribuibili ai quesiti sono confermati quelli del DM 105/2014, ovvero

Prova

Risposta esatta

Risposta errata

Risposta non data

Prima parte comune (70 quesiti)

1 punto

-0,30 punti

0 punti

Seconda parte specifica di Area (30 quesiti)

1 punto

-0,30 punti

0 punti

Seconda parte specifica di Scuola (10 quesiti)

2 punti

-0,60 punti

0 punti

Alla fine, parlando di graduatorie è stato elaborato un sistema che può sembrare complesso ma, in realtà, lo è meno di quello che appare.

In pratica verrà pubblicata una prima graduatoria provvisoria per scuola con tutti i candidati a seconda dei criteri del DM 105/14 (punteggio generale, punteggio quesiti specifici, età anagrafica minore). Dopo due giorni chi risulterà in posizione utile per più scuole avrà l’obbligo di scegliere quella in cui immatricolarsi, in mancanza di questa opzione decadrà automaticamente da TUTTE le graduatorie. Successivamente verrà pubblicato la graduatoria definitiva aggiornata in base alle scelte di ciascuno. Quando le università confermeranno al CINECA chi si è effettivamente immatricolato allora scatterà il primo scorrimento effettivo con una nuova procedura di immatricolazione.

Infine la presa di servizio avverrà il 10 dicembre.

Allegato a questo bando ci sono anche il totale dei contratti, compresi quelli regionali e quelli di enti privati.
Una cosa da notare sono i “parametri aggiuntivi” che la Regione Veneto, la Regione Autonoma della Valle d’Aosta e le Provincie Autonome di Trento e Bolzano ha imposto per i vincitori delle proprie borse regionali: ovvero essere laureati negli atenei regionali o essere residenti nelle province in questione.

 

Ed ora le note dolenti.
Il bando, laddove specifica alcune cose pare molto preciso e scrupoloso … tuttavia lascia delle enormi “voragini” di capitale importanza per i futuri specializzandi.

  1. Iniziando dall’art. 1 dove viene richiamato un DM 584/2014 di nomina della commissione unica ministeriale del quale, tuttavia non vi è traccia online. Inoltre sarebbe “carino” sapere come sono stati scelti questi commissari, con quali parametri e con quali procedure.
  2. Si parlava, quando il DM era in fieri, di una certificazione linguistica obbligatoria (cosa comune negli altri Paesi dell’Unione) per gli stranieri che venissero a fare in concorso in Italia, ma di questa certificazione non c’è traccia nel testo del bando. Dimenticanza?
  3. Si parla di una “penalizzazione” di specialisti e di specializzandi nella valutazione dei titoli (tre punti in meno poichè non possono essere attribuiti quelli per la tesi e per il phd) ma non si fa menzione dei corsisti di medicina generale. Quindi questi potranno utilizzare i punti aggiuntivi? Non c’è una disparità tra specializzandi e corsisti?
  4. Punto FONDAMENTALE che ha sorpreso è stata la TOTALE MANCANZA di un qualsivoglia riferimento al contenuto dei quesiti. Ci viene spiegato per filo e per segno come saranno fatti, perfino che il candidato dovrà esporre sul banco il la tessera sanitaria ma NON UN ACCENNO al contenuto di questi test. Ci si limita a linkare “a titolo esemplificativo” i test degli anni scorsi … quasi a dire “tanto saranno uguali” … Si porrà rimedio a questa svista?
  5. Si dovrebbero spiegare in maniera più semplice i meccanismi di scorrimento della graduatoria soprattutto in relazione all’esistenza dei vincoli aggiuntivi per le borse regionali stanziate dalla #RegioneVeneto , dalla #RegioneValledAosta e dalle Provincie Autonome di #Trento e #Bolzano, con le diverse occasioni di scorrimento e di rinuncia rispetto a coloro che sono in situazioni di incompatibilità.

Insomma, in definitiva un  bando fatto discretamente ma completo solo a metà. aspetteremo ulteriori sviluppi.

 

——————-

Documenti:

Versione pdf del DM n. 612

Anestesia e Rianimazione è una di quelle specializzazioni, come Radiodiagnostica, che vanta il maggior numero di contratti. Nonostante tutto, però, anch’essa è in discese a favore di altre branche, specialmente chirurgiche.

Sulla distribuzione nulla da dire se non che, come al solito, i centri più grandi (Milano, Roma e Napoli) fanno la parte del leone accaparrandosi, da sole, circa il 30% dei contratti nazionali.

Per le tabelle con i dati di questa e di molte altre scuole potete consultare l’articolo con l’analisi generale.

anestesia - trend storico e distribuzione contratti 2014

Prima di tutto l’analisi dell’andamento nel tempo. Due sono le cose che saltano subito all’attenzione di chi guarda questo grafico.
La prima è che i posti son “tanti”, poco meno del 10% dei contratti totali (ovviamente parliamo solo di quelli nazionali … ) e che negli ultimi anni c’è stato un abbattimento notevole dell’incidenza sui contratti nazionali (ca. 24% dall’inizio della serie). Questo vuol dire che, come per anestesia, i posti stanno diminuendo a favore di altre branche.

Per la distribuzione dei posti tra le varie scuole … beh, non ci sono grosse novità rispetto agli anni passati se si esclude la presenza, per la prima volta, di contratti per l’Università del Molise. Milano con il 14% e Roma con l’11% sono le sedi con più contratti.

Per le tabelle con i dati di questa e di molte altre scuole potete consultare l’articolo con l’analisi generale.

radiodiagnostica - trend storico e distribuzione contratti 2014

Molto interessante il grafico che riguarda l’ematologia. Infatti possiamo notare una sostanziale stabilità dell’assegnazione dei contratti a questa branca nell’intervallo di tempo preso in considerazione … tuttavia è lampante un picco impovviso quanto isolato di aumento dell’11% nel 2012, per poi tornare a valori “canonici” l’anno successivo.

La distribuzione per le varie scuole evidenzia poche scuole federate e una media di circa il 4% di posti assegnati a ciascun ateneo.ematologia - trend storico e distribuzione contratti 2014

Disciplina principe dell’area medica, la medicina interna vanta un notevole numero di contratti (in media 253 ogni anno) che negli anni scorsi hanno, tuttavia, subito una notevole diminuzione per poi “recuperare” rapidamente terreno dal 2012/2013.

Per quanto riguarda la distribuzione dei contratti sulle diverse sedi si registra anche in questo caso come per la Chirurgia Generale, con piacere, la definitiva indipendenza dall’ateneo federiciano della “scuola medica salernitana” con l’assegnazione di 2 contratti autonomi.

Per le tabelle con i dati di questa e di molte altre scuole potete consultare l’articolo con l’analisi generale.

med interna - trend storico e distribuzione contratti 2014

L’analisi storica dell’andamento di questa branca è abbastanza semplice: infatti nel trend notiamo, come per molte branche “piccole” una sostanziale regolarità nella diminuzione dei posti messi a concorso a livello nazionale, con la particolarità che l’anno accademico 12/13 registra una marcata impennata dovuta non tanto all’aumento dei contratti quanto alla sua sostanziale stabilità (infatti quell’anno ci fu una riduzione del 10% del numero dei contratti complessivi).

La distribuzione tra le diverse sedi anche in questo caso risente molto dell’elevato numero di scuole federate tra loro.

Per le tabelle con i dati di questa e di molte altre scuole potete consultare l’articolo con l’analisi generale.

endocrinologia - trend storico e distribuzione contratti 2014

Analizzando il grafico qui sotto notiamo subito due cose della scuola di specializzazione in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva. La prima è che i posti nazionali messi a concorso sono davvero pochi (mediana 46) e che questi pochi sono rimasti pressoché costanti nel tempo … fino a due anni fa quando, complice il dirottamento dei pochi contratti su altre branche magari più “richieste” dal SSN, c’è stato un progressivo e repentino abbattimento fino ad un valore di 34 (-28% dall’inizio della serie).

Anche per la Ch. Plastica notiamo per prima cosa, come per malattie infettive, l’elevato numero di scuole federate (quelle con 0% sono subordinate ad altre) così come si nota a colpo d’occhio che la parte del leone, con il 21% la fa la scuola di Tor Vergata.

Per le tabelle con i dati di questa e di molte altre scuole potete consultare l’articolo con l’analisi generale.

ch plastica ricostruttiva estetica - trend storico e distribuzione contratti 2014

L’oftalmologia è una di quelle specializzazioni che si aggira, in termini di borse,su valori  non alti di contratti. Infatti notiamo che la sua mediana negli ultimi 6 anni è di 2.23 (media contratti 110).  Il trend, in discesa come per molte branche, è tuttavia costante con una pendenza non precipitosa se non addirittura piatta.. La minima inversione di tendenza è da spiegarsi allo stesso modo di quello che successo per Gastro.

Per quel che riguarda la distribuzione dei contratti a livello nazionale, anche in questo caso notiamo alcune sedi a parametro zero: sono quelle che non hanno “di proprio” un numero di contratti assegnati ma sono aggregate con altri atenei capofila.

Per le tabelle con i dati di questa e di molte altre scuole potete consultare l’articolo con l’analisi generale.

oftalmologia - trend storico e distribuzione contratti 2014

Twitter
  • Il caffè del morto 24 ottobre 2016
    “Viviamo in una società in cui la morte è un tabù. La si vede al cinema, alla televisione, sui giornali, ma è sempre qualcosa di astratto e lontano che riguarda gli altri. Non se ne parla, non ci si pensa, e quando tocca l’individuo da vicino c’è un lavoro molto profondo da fare per permettergli […]
    Salvatore Nocera
  • Provare l’ambu 24 settembre 2016
    Tanti anni fa, circa del 1988, quando ero ancora anestesista implume e ignorante (quest’ultimo lo sono rimasto) fui inviato in consulenza in un ospedalino periferico, monospecialistico medico, che assisteva molti pazienti cronici. Ad uno di questi pazienti cronici, una SLA con paralisi ormai quasi completa, tracheostomizzato e ventilato, era necessario, mensilmente, sostituire la cannula tracheale, […]
    Herbert Asch
  • Il Paradiso – sogno di un’anestesista in pensione 7 settembre 2016
    “in fondo abbiamo sempre avuto a che fare con la fermata precedente al paradiso, ma noi cerchiamo di fare scendere la gente lì e non farla proseguire… H.Asch” Dovevo chiudere la finestra. Eppure lo so che quando c’è la luna piena devo chiuderla. Per non farla entrare. La luce argentea mi abbaglia. E mi toglie […]
    Magamagò
  • Non solo Barbapapà 9 agosto 2016
    Alì (nome di fantasia che sostituisce un nome ben più complicato di “Armando”) sta nel suo letto bello pacifico. La collega in consegna mi ha descritto il decorso post operatorio, le infusioni in corso e lo stato generale del malato: buono. Entro subito in camera per dargli un occhio; è in prima giornata e anche […]
    supergiovan8
  • Reperibilità 1 agosto 2016
    Driiin!!! All’una di notte…suona il cellulare! “Vieni giù che c’è casino!” . Accidenti! Proprio mentre pensavo di averla sfangata e finalmente, sotto il peso di palpebre inesorabilmente calanti, affievolitosi il consueto stato di vigile allerta, mi arrendevo al sonno ristoratore, sullo scomodo divano anti…coma di casa, già, opportunamente in abiti civili, coi piedi avvolti da […]
    zarianto
HiStats




statistiche siti web






Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicià alcuna e, pertanto, non rappresentano "prodotto editoriale" si sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001

Questo sito ed i suoi contenuti, quando non diversamente indicato, sono di proprietà dell'autore e pubblicati, salvo diversa indicazione, sotto una Licenza Creative Commons by-sa
Creative Commons License

Sulle modalità d'uso al di fuori di suddetta licenza si prega di contattare il gestore del sito

I nomi ed i marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari

Background Image by Saffron Blaze (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Website personale di
Mario La Vedova

Content Info
Site last updated 4 settembre 2016 @ 13:22