Back to Top

Category Archives: Cronaca

il dramma della Laurea che non arriva

Il Coraggio di ammettere i fallimenti

il dramma della laurea che non arrivaDi tanto in tanto si leggono (o si sentono da colleghi ed amici) storie simili a questa (Tenta il suicidio a 26 anni nel giorno della sua laurea | Il Mattino). Storie che fanno sempre presa su di me e che mi rattristano. Tutte le persone “comuni” hanno avuto (più o meno) intoppi nel loro percorso accademico … ma la valenza pedagogica degli “esami” sta non solo nelle nozioni che si devono assimilare per superarlo (funzione didattica?) quanto nel percorso che lo studente deve affrontare (anche su di sé) per raggiungere lo scopo.

Ma per talune persone la pressione esterna è forse troppo alta, le aspettative esagerate, l’ansia troppo forte.

Ci vuole CORAGGIO.
Coraggio perché lo scopo di quel lavoro su noi stessi potrebbe anche essere quello di capire che quel percorso di studi o quel progetto di vita non è, in realtà, quello che si vuole.
Ed allora dirlo, ammetterlo può essere un gradino troppo grosso da superare da soli.

Soprattutto in una società in cui non è ammesso sbagliare, dove il fallimento non può essere preso in considerazione, dove se queste cose (sbaglio e fallimento) accadono non è MAI colpa del soggetto interessato ma sempre di soggetti terzi: i docenti, l’allenatore ( e sul ruolo pedagogico dello sport si potrebbe scrivere tantissimo), ecc…
In questo tipo di visione del mondo, in cui si tende a perdere la valenza dell’errore, ammetterne uno, riconoscere una “sconfitta”, può risultare drammaticamente destruente.

Quindi ci vuole INTELLIGENZA.
Intelligenza da parte di tutti. Perché questi ragazzi (forse troppo “fragili”) vanno ascoltati, supportati e accompagnati. Da tutti. Dalla famiglia. Dagli Amici. Dalla società. Dai formatori (attenzione … questo non vuol dire che i docenti debbano “per forza promuovere” … sarebbe esattamente l’opposto. Se elimino l’ostacolo come posso formare alle difficoltà?). Ed a costoro è richiesto anche CORAGGIO perché non è né facile né bello vedere in difficoltà qualcuno cui si vuol bene. Ma l’esser troppo solerti nell’aiutare non sempre è una cosa positiva.

Solo con Coraggio ed Intelligenza queste cose posso essere evitate.

#Storico dei #contratti nazionali per le #specializzazioni: #MalattieInfettive

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Continua la serie di analisi storiche sui contratti nazionali per le scuole di specializzazione, in questo post mi occuperà della scuola in malattie infettive.

Al grafico dell’andamento storico possiamo notare che, seppur con un molto ridotto numero di borse (la mediana nel periodo analizzato è di 58), il numero di contratti è sostanzialmente poco sensibile al cambiamento nel tempo.

Per quel che concerne la distribuzione sul territorio, la prima e più importante cosa che ci salta agli occhi è l’elevato numero di scuole accorpate con poche scuole capofila (circa 1 su 2 fa capo ad altro ateneo).

Per le tabelle con i dati di questa e di molte altre scuole potete consultare l’articolo con l’analisi generale.

malattie infettive - trend storico e distribuzione contratti 2014

Corsi IRC PBLSD e PTC a Salerno in collaborazione con il SIGM e l’OMCeO

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Bella l’iniziativa del SIGM di Salerno che, in collaborazione con l’OMCeO provinciale ed IRC, ha organizzato corsi PTC e PBLSD destinati a Medici. Una iniziativa che prosegue nel solco della diffusione quanto più ampia possibile delle corrette tecniche di primo soccorso per salvare quante più vite possibile …

Il primo, in ordine di tempo, è il PTC che si terrà il 14 maggio 2013, dal costo di 95,00 €, presso la sede di SOCCORSO AMICO (Via. G. Clark – Salerno) e si rivolge medici che vogliano “sviluppare e standardizzare una metodica di approccio al paziente traumatizzato in fase preospedaliera”.
Per informazioni e prenotazioni seguire la procedura online al seguente link: http://bit.ly/17Fq2LS

In secondo è il corso BLSD che si terrà il 21 maggio 2013, dal costo di 85,00 €, sempre presso la sede di SOCCORSO AMICO(Via. G. Clark – Salerno), si rivolge, invece,  a chi desidera ottenere “competenze cognitive, abilità pratiche e capacità relazionali per consentire un adeguato ed efficace soccorso in materia di rianimazione cardiopolmonare e defibrillazione in età pediatrica”.
Per informazioni e prenotazioni seguire la procedura online al seguente link: http://bit.ly/17Fqcmn

PTC Salerno 14 maggioBLSD Salerno 21 maggio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricordiamo brevemente che l’ IRC (Italian Resuscitation Council) è una società scientifica accreditata presso il Ministero della Salute  al rilascio di certificazioni per BLSD, PBLSD, PTC e ASL.

Si segnala, infine, che questi corsi assegnano rispettivamente 11.3  e 11.0 ECM.

Posted in Cronaca, Cultura, Scienza| Tagged , , , , , , , |

Censura a Roma: stop agli alcolici on the road.

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Ecco come evitare che i turisti o anche gli abitanti di una Città, per di più come Roma, possano vivere il luogo in cui vivono!

Esempio assurdo di come censurare una città, castigarla nascondendosi dietro al paravento di una malcelata “sicurezza per il cittadino”. Ma a che pro? Quanto ci costa? Non esiste un metodo alternativo a quello di CENSURARE la vita delle persone?
Vuol ridurre Roma a una di quelle grigie e tristi cittadine del nord (d’Italia) in cui la sera NON VOLA UNA MOSCA … sia d’estate che d’inverno?
Oppure semplicemente è un’ordinanza “pro forma?! Fatta tanto per poter dire “si, io la regola l’ho fatta .. sono gli altri che non l’hanno rispettata!!”

D’altra parte la censura era da aspettarselo da uno con la storia personale del Sindaco di Roma!

Certo, mica ha detto che non si puo’ andare più in giro … ma per esempio non posso più uscire da un locale con un bicchiere di vino in mano e farmi una passeggiata per trastevere ed entrare in un altro locale, oppure parlare all’aperto godendomi lo spettacolo del centro storico di Roma … bah!

Roma, 10 aprile – L’alcol, per le notti romane, è un problema serio. Il Campidoglio prende contromisure e rilancia l’ordinanza anti-alcol con regole più severe rispetto agli anni scorsi: stavolta lo stop non riguarda solo la vendita ma anche il consumo su aree pubbliche. In altri termini, dal 1° aprile fino al 30 giugno, tutti i giorni della settimana, movida sì ma sobria: chi si attacca alla bottiglia o alla lattina sulla pubblica via è passibile di multa.
Il sindaco Gianni Alemanno ha predisposto un’ordinanza, in vigore dal 1° aprile al 30 giugno, che impone, nelle zone di Roma dove si fanno le ore piccole, due divieti: per chi gestisce i locali, divieto di vendita e somministrazione di alcolici “per l’asporto o il consumo al di fuori del locale e delle relative superfici attrezzate, pubbliche o private, di pertinenza del locale medesimo”, dalle 23 fino alla chiusura degli esercizi.
Come detto, poi, per i clienti c’è il divieto di consumare alcolici “nelle strade pubbliche o aperte al pubblico transito”, dalle 23 alle 6 del mattino.
L’ordinanza indica nel dettaglio, strada per strada, le zone su cui si applica la nuova disciplina: centro storico, Trastevere, Testaccio, Monti, San Lorenzo-Tiburtina-piazza Bologna, Pigneto e Torpignattara, Ostiense-Circonvallazione Ostiense-Garbatella, Saxa Rubra-Prima Porta-Giustiniana, Ponte Milvio e Farnesina.
Il Sindaco ha trasmesso nei giorni scorsi l’ordinanza al Prefetto con una lettera in cui chiede, per tutelare al meglio la sicurezza dei cittadini nelle ore della movida, il rilancio del coordinamento tra Campidoglio e forze dell’ordine e l’intensificazione dei controlli.
Paolo Veronesi

fonte: Comune di Roma | Sito Istituzionale

 

Libia: un errore enorme!

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Come sempre gli Americani non imparano dai propri errori. Non si rendono conto che non sono la potenza intelligente che può paragonarsi all’impero romano (checche loro ne abbiano le velleità non ne hanno le capacità!). Cosi’ come i Francesi che continuano a pensarsi, con la relativa grandeur, Impero e gli Inglesi hanno nostalgia del loro.

Continue Reading