Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

logo-sunOggi mi son messo, complice un post su un forum universitario (in una pausa tra un capitolo ed un altro del mitico Harrison di Medicina Interna), a guardare un po’ la mia “magica” università com’è piazzata nei vari ranking italiani.

Be’, con mia minima sorpresa ho visto che i risultati variano, ed anche di molto, tra istituto ed istituto.

Ovviamente non si va MAI oltre una modesta posizione di metà classifica 1 se non proprio a fondo classifica 2 ….

Cosi’ come interessanti ho trovato i dati ISTAT e AlmaLaurea che dovrebbero esser un tantino più ufficiali!
(anche se, per esempio, non ho ancora capito se per i medici, quando si parla di stato occupazionale a tre anni dalla laurea, la specializzazione in che senso è considerata, se lavoro o ancora formazione!)

Che dire … se il ministero dovesse elargire i fondi su questi parametri … 🙁 chi è giù non puo’ far altro che finire di affondare mentre chi è su …. galleggia! 🙁

Putroppo questo sistema che hanno messo in piedi sarebbe “giusto” se si partisse tutti da un livello più o meno omogeneo … ma cosi’ non è (sic!)

Torno ai libri che è meglio … 🙂

    fonti: 

  1. Le pagelle alle università – Il sole 24 ore
  2. Guida alle Università – CENSIS
  3. Il sistema Universitario: Tavole – ISTAT
  4. Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea

PS.

Il grafico del Ranking degli ultimi 10anni della mia facoltà secondo il CENSIS in raffronto all’altra Grande Facoltà Medica Campana