Est modus in rebus

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Nella mia “ridente cittadina” qualcuno ha avuto la brillante idea di disseminare chilometri di asfalto con decine di dossi artificiali allo scopo, ben definito a dire degli ideatori, di salvaguardare la sicurezza di tutti.
Eppure, foss’anche questa cosa vera, io la potrei vedere comunque come una profondissima violenza, come una drammatica ingerenza nella capacità di autodeterminazione del popolo caleno.

Si vuol salvaguardare la sicurezza? Benissimo … nulla quaestio in questo intento: si pongano regole, si impongano divieti normativi (leggi, regolamenti, direttive … insomma regole) che mi lascino, tuttavia, la possibilità di trasgredirvi e di esser punito con le sanzioni che il legislatore ritenga opportune, qualsivoglia esse siano ma mi si lasci la libertà di scegliere! In fondo è un mio diritto, no?
Qui invece no … qui son furbi … qui, a Calvi Risorta, son violenti … qui ti obbligano a fare quello che vogliono loro, qui ti impongono con la forza le regole che loro stessi hanno stabilito. E la mia di volontà? Dov’ è la mia libertà di scelta? Il mio diritto all’autodeterminazione?
Ma il mandato che viene dato dagli elettori a chi è eletto non può e non deve esser così vasto da contemplare anche la depauperazione dei diritti fondamentali dei cittadini stessi.

Viviamo in una società violenta, Violenta perché ti costringe a violare le regole non già per avere un vantaggio sugli altri, ma per esser al loro stesso livello e non partire con un handicap per il raggiungimento di medesimi obbiettivi.
Una società in cui chi è “corretto” è definito non solo un “fesso” dai più, dai “furbi”, ma anche penalizzato per le sue stesse idee, per il suo credere che, in uno Stato di Diritto reale, in cui tutti sono  “uguali” (di una uguaglianza filosofica, di una uguaglianza morale, non già di una uguaglianza di nascita, “fisica”) magari ci si potrebbe anche distinguere dagli animali.
Una società che ti vieta l’autodeterminazione non già in maniera ufficiale, chiara e palese ma de facto, in maniera tacita … costringendoti ad esser come i “furbi” pena la tua stessa estinzione.

Ed invece NO … Uno stato di questo genere non rispecchierebbe la natura … in cui non esiste il concetto dell’esser “tutti uguali per nascita”, in cui vige la ferrea eppur aurea regola della selezione darwiniana del più forte, del “sopravvive chi si adatta meglio all’ambiente” … Eppure applicata correttamente questa Legge dovrebbe premiare non solo chi ha più forza ma anche e soprattutto chi è più dinamico, chi ha più “Intelletto”.

Ma forse chi è più dinamico, chi ha più intelletto è colui che sa dribblare le regole? O chi è più capace nell’uso di queste sue indubbie doti per il bene collettivo del “branco”?
Ed allora la questione è quale e quanto è grande questo branco? Uno solo (se stessi) o un gruppo di pochi (ma quanto pochi?) adepti? E se, nel caso dell’Uomo, questi adepti (fossero essi congiunti et similia) non fossero altro che strumenti per il benessere di quell’Uno?

Ed ancora … chi decide che è la direzione dei “furbi” ad esser quella selettivamente migliore per la razza?
Di certo non la natura che, a lungo andare farebbe estinguere queste incongruenze perchè autodistruttivi per la razza stessa (e la storia umana è piena di esempi, e non abbisogna andare nemmeno tanto lontano ne nel tempo, ne nello spazio per trovarne) se non fosse stato corretto dalla capacità dell’Uomo, unica nel suo genere, di influenzare la natura stessa, di modificarla a breve e medio periodo! Ed allora chi? I furbi stessi? E se avessero una visione troppo a breve raggio per poter prendere decisioni di siffatta portata?

Vabbe’ … ora son stanco. Vi lascio carissimi, la giornata è stata lunga e faticosa e domani si ritorna in corsia, in corsia dove tutti son davvero uguali davanti alle malattie, dove nessuno, nel bene o nel male, può, per fortuna, influenzare il proprio avvenire con le “furbizie” …

Buona notte a tutti.

—————-
On Air: Fabrizio De André – Nell’acqua della chiara fontana
via FoxyTunes

Twitter
  • Centomila minuti 10 novembre 2017
      “Mi vieni a trovare?”…sussurra la voce sottile dietro un naso affilato e un paio di occhiali ormai diventati troppo grandi per l’estrema magrezza dello sperimentare così tanta malattia…”se mi trasferiscono in in medicina mi vieni a trovare?…ho paura! qua mi state tutti dietro, mi controllate..” Certo che ci vengo, ci vengo tutti i giorni […]
    Benedetta Galgani
  • Brutto, sporco e cattivo. 25 settembre 2017
    Mentre lo trasbordano dalla barella dell’ambulanza, emana una nuvola di polvere e un fetore che ti tiene lontano, a metri di distanza; ha una casacca e dei pantaloni luridi, bagnati e spessi da cui cascano piccoli pezzi di terra ed erba e chissà cos’altro Il volto paonazzo, la barba bionda tutta appiccicata, fa tutt’uno con […]
    rem
  • No woman, no cry 23 luglio 2017
      “Vi supplico di essere indignati” (Martin Luther King) Immagino che molti lettori di questo blog abbiano letto di un fatto accaduto all’Ospedale San Paolo di Savona, dove a causa di un devastante sommarsi di pregiudizi, disinformazione e forse addirittura di pettegolezzi di quartiere un paziente ha rinunciato a sottoporsi ad un intervento chirurgico soltanto […]
    Storyteller
  • Questo o quello… per me pari sono 6 luglio 2017
      Stanotte gliela voglio raccontare io una storia a quella dottoressa che scrive racconti nelle pause, brevi pause notturne, durante il suo lavoro in Rianimazione. Io lo so che a volte scrive al computer quello che le passa per la mente, quello che le passa per il cuore: ognuno di noi ha un suo modo […]
    Magamagò
  • Soffi cardiaci (San Valentino) 28 giugno 2017
    Rumori. Che si provocano per una vertigine del sangue, un moto vorticoso che fa vibrare le valvole e il cuore intero. A volte più intensi e accompagnati da un fremito, quando accosti la mano, superando il pudore, per palpare il petto. Musicali per l’orecchio, o come un canto di gabbiano, oppure aspri, perfino duri. Nei […]
    Gigi
Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità alcuna e, pertanto, non rappresentano “prodotto editoriale” si sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001

Questo sito ed i suoi contenuti, quando non diversamente indicato, sono di proprietà dell’autore e pubblicati, salvo diversa indicazione, sotto una Licenza Creative Commons by-sa
Creative Commons License

Sulle modalità d’uso al di fuori di suddetta licenza si prega di contattare il gestore del sito

I nomi ed i marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari

Website personale di
Mario La Vedova

Content Info
Site last updated 14 novembre 2017 @ 21:45;
This content last updated 2 febbraio 2011 @ 18:26;