Est modus in rebus

Nella mia “ridente cittadina” qualcuno ha avuto la brillante idea di disseminare chilometri di asfalto con decine di dossi artificiali allo scopo, ben definito a dire degli ideatori, di salvaguardare la sicurezza di tutti.
Eppure, foss’anche questa cosa vera, io la potrei vedere comunque come una profondissima violenza, come una drammatica ingerenza nella capacità di autodeterminazione del popolo caleno.

Si vuol salvaguardare la sicurezza? Benissimo … nulla quaestio in questo intento: si pongano regole, si impongano divieti normativi (leggi, regolamenti, direttive … insomma regole) che mi lascino, tuttavia, la possibilità di trasgredirvi e di esser punito con le sanzioni che il legislatore ritenga opportune, qualsivoglia esse siano ma mi si lasci la libertà di scegliere! In fondo è un mio diritto, no?
Qui invece no … qui son furbi … qui, a Calvi Risorta, son violenti … qui ti obbligano a fare quello che vogliono loro, qui ti impongono con la forza le regole che loro stessi hanno stabilito. E la mia di volontà? Dov’ è la mia libertà di scelta? Il mio diritto all’autodeterminazione?
Ma il mandato che viene dato dagli elettori a chi è eletto non può e non deve esser così vasto da contemplare anche la depauperazione dei diritti fondamentali dei cittadini stessi.

Viviamo in una società violenta, Violenta perché ti costringe a violare le regole non già per avere un vantaggio sugli altri, ma per esser al loro stesso livello e non partire con un handicap per il raggiungimento di medesimi obbiettivi.
Una società in cui chi è “corretto” è definito non solo un “fesso” dai più, dai “furbi”, ma anche penalizzato per le sue stesse idee, per il suo credere che, in uno Stato di Diritto reale, in cui tutti sono  “uguali” (di una uguaglianza filosofica, di una uguaglianza morale, non già di una uguaglianza di nascita, “fisica”) magari ci si potrebbe anche distinguere dagli animali.
Una società che ti vieta l’autodeterminazione non già in maniera ufficiale, chiara e palese ma de facto, in maniera tacita … costringendoti ad esser come i “furbi” pena la tua stessa estinzione.

Ed invece NO … Uno stato di questo genere non rispecchierebbe la natura … in cui non esiste il concetto dell’esser “tutti uguali per nascita”, in cui vige la ferrea eppur aurea regola della selezione darwiniana del più forte, del “sopravvive chi si adatta meglio all’ambiente” … Eppure applicata correttamente questa Legge dovrebbe premiare non solo chi ha più forza ma anche e soprattutto chi è più dinamico, chi ha più “Intelletto”.

Ma forse chi è più dinamico, chi ha più intelletto è colui che sa dribblare le regole? O chi è più capace nell’uso di queste sue indubbie doti per il bene collettivo del “branco”?
Ed allora la questione è quale e quanto è grande questo branco? Uno solo (se stessi) o un gruppo di pochi (ma quanto pochi?) adepti? E se, nel caso dell’Uomo, questi adepti (fossero essi congiunti et similia) non fossero altro che strumenti per il benessere di quell’Uno?

Ed ancora … chi decide che è la direzione dei “furbi” ad esser quella selettivamente migliore per la razza?
Di certo non la natura che, a lungo andare farebbe estinguere queste incongruenze perchè autodistruttivi per la razza stessa (e la storia umana è piena di esempi, e non abbisogna andare nemmeno tanto lontano ne nel tempo, ne nello spazio per trovarne) se non fosse stato corretto dalla capacità dell’Uomo, unica nel suo genere, di influenzare la natura stessa, di modificarla a breve e medio periodo! Ed allora chi? I furbi stessi? E se avessero una visione troppo a breve raggio per poter prendere decisioni di siffatta portata?

Vabbe’ … ora son stanco. Vi lascio carissimi, la giornata è stata lunga e faticosa e domani si ritorna in corsia, in corsia dove tutti son davvero uguali davanti alle malattie, dove nessuno, nel bene o nel male, può, per fortuna, influenzare il proprio avvenire con le “furbizie” …

Buona notte a tutti.

—————-
On Air: Fabrizio De André – Nell’acqua della chiara fontana
via FoxyTunes

What's Happening Recommended by Hashcore

Twitter
  • Il caffè del morto 24 ottobre 2016
    “Viviamo in una società in cui la morte è un tabù. La si vede al cinema, alla televisione, sui giornali, ma è sempre qualcosa di astratto e lontano che riguarda gli altri. Non se ne parla, non ci si pensa, e quando tocca l’individuo da vicino c’è un lavoro molto profondo da fare per permettergli […]
    Salvatore Nocera
  • Provare l’ambu 24 settembre 2016
    Tanti anni fa, circa del 1988, quando ero ancora anestesista implume e ignorante (quest’ultimo lo sono rimasto) fui inviato in consulenza in un ospedalino periferico, monospecialistico medico, che assisteva molti pazienti cronici. Ad uno di questi pazienti cronici, una SLA con paralisi ormai quasi completa, tracheostomizzato e ventilato, era necessario, mensilmente, sostituire la cannula tracheale, […]
    Herbert Asch
  • Il Paradiso – sogno di un’anestesista in pensione 7 settembre 2016
    “in fondo abbiamo sempre avuto a che fare con la fermata precedente al paradiso, ma noi cerchiamo di fare scendere la gente lì e non farla proseguire… H.Asch” Dovevo chiudere la finestra. Eppure lo so che quando c’è la luna piena devo chiuderla. Per non farla entrare. La luce argentea mi abbaglia. E mi toglie […]
    Magamagò
  • Non solo Barbapapà 9 agosto 2016
    Alì (nome di fantasia che sostituisce un nome ben più complicato di “Armando”) sta nel suo letto bello pacifico. La collega in consegna mi ha descritto il decorso post operatorio, le infusioni in corso e lo stato generale del malato: buono. Entro subito in camera per dargli un occhio; è in prima giornata e anche […]
    supergiovan8
  • Reperibilità 1 agosto 2016
    Driiin!!! All’una di notte…suona il cellulare! “Vieni giù che c’è casino!” . Accidenti! Proprio mentre pensavo di averla sfangata e finalmente, sotto il peso di palpebre inesorabilmente calanti, affievolitosi il consueto stato di vigile allerta, mi arrendevo al sonno ristoratore, sullo scomodo divano anti…coma di casa, già, opportunamente in abiti civili, coi piedi avvolti da […]
    zarianto
HiStats




statistiche siti web






Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicià alcuna e, pertanto, non rappresentano "prodotto editoriale" si sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001

Questo sito ed i suoi contenuti, quando non diversamente indicato, sono di proprietà dell'autore e pubblicati, salvo diversa indicazione, sotto una Licenza Creative Commons by-sa
Creative Commons License

Sulle modalità d'uso al di fuori di suddetta licenza si prega di contattare il gestore del sito

I nomi ed i marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari

Background Image by Saffron Blaze (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Website personale di
Mario La Vedova

Content Info
Site last updated 4 settembre 2016 @ 13:22;
This content last updated 2 febbraio 2011 @ 18:26;