Est modus in rebus

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Voglio fare l’amore con te.


Lei ride silenziosamente, spostando la testa e coprendosi il sorriso con una mano.

Perché ridi?
Perché è da talmente tanto tempo che non faccio l’amore, che non credo di ricordarmi come si fa.
Allora siamo in due.
Però mi ricordo come si fa il sesso.

sorride con lo sguardo.

In quello me la cavo anche io… ma credo di avere bisogno di un po’ di ripetizioni.

Silenzio. Si guardano

Seriamente, dici davvero?
Cosa?
Hai paura di non ricordarti come si fa l’amore?

Sospira.


Paura no. Solo… è da talmente tanto tempo che non lo faccio, che forse non so più come si fa. Come si fa a farlo.
Non ce lo si può dimenticare, non una cosa così.
Beh, dopo tanto tempo che usi il corpo solo come carne per altra carne credimi, si corre il rischio di dimenticarselo.

Lui la guarda fisso negli occhi.

Io voglio fare l’amore con te.
Rischi.
Cosa rischio?
Di farti male.
Male?
Si. Tu ci metteresti anche i sentimenti e io… io ci potrei anche provare ma poi credo che diventerebbe solo sesso… carne, sudore, orgasmo.
Di cosa hai paura?
Paura? Io? No non ho…

Lui la interrompe.

Hai paura, hai paura di qualche cosa, ma non riesco a capire cosa.

Silenzio. Lei sposta il capo cercando di mascherare il volto con i capelli. Lui le prende il volto fra le mani e la fissa negli occhi.

Hai paura di provare dei sentimenti per me? E’ di questo che hai paura?

Gli occhi di lei si muovono leggermente.

E se poi rimango ferita di nuovo? Io non voglio farmi del male, stare male per qualcuno.
Io non sono qualcuno.
No, non lo sei. Mai sei uno… uno che potrebbe farmi stare male. Molto male. Non lo potrei sopportare. Fermiamoci qui. Fino a che siamo in tempo. Veramente… scusami.

Lei si alza e lui la segue.

Dove vai?
Via.
No, aspetta.

Lei apre la porta della stanza ma lui l’afferra per un braccio.

No! Devo andare, lasciami!

Si schiaccia contro il muro quasi volesse entrare a farne parte. Lui rimane fermo.

Un muro e i sentimenti. Poi lui.

Senti, legata alla carne c’è l’anima, ci sono i sentimenti. Strappa la carne, questi la seguiranno come se fossero attaccati con la colla. Come il filo di un aquilone, come una striscia. Io per te sono carne? Si? Bene. Strappami la carne una volta, due, tre, quattro. Tutte le volte che vuoi e io farò lo stesso. Prima o poi, a forza di togliere questi brandelli di te, verranno fuori i sentimenti… usciranno e non avrai più paura. Perché saranno così grandi gli squarci che non potrai più fermarli.

Un muro e i sentimenti. Poi lei.

Tu stai dicendo, che sei disposto ad aspettare anche invano che io ti ami?
Tu già mi ami, solo non lo sai

sorride.
Lei sospira.


Perché insisti tanto?
Perché non farlo quando si tiene così tanto ad una cosa? Quando sai che ne vale la pena.
Io sono la tua battaglia?
La mia vittoria.


L’abbraccia.

Stupido, dai già tutto per certo tu eh?
Voglio fare l’amore con te.
Si guardano. Lei chiude gli occhi, mentre con la mano chiude quelli di lui.

Da quanto sono nei tuoi pensieri?
Tu sei i miei pensieri. Tu sei una nuda striscia di pensieri.

Twitter
  • No woman, no cry 23 luglio 2017
      “Vi supplico di essere indignati” (Martin Luther King) Immagino che molti lettori di questo blog abbiano letto di un fatto accaduto all’Ospedale San Paolo di Savona, dove a causa di un devastante sommarsi di pregiudizi, disinformazione e forse addirittura di pettegolezzi di quartiere un paziente ha rinunciato a sottoporsi ad un intervento chirurgico soltanto […]
    Storyteller
  • Questo o quello… per me pari sono 6 luglio 2017
      Stanotte gliela voglio raccontare io una storia a quella dottoressa che scrive racconti nelle pause, brevi pause notturne, durante il suo lavoro in Rianimazione. Io lo so che a volte scrive al computer quello che le passa per la mente, quello che le passa per il cuore: ognuno di noi ha un suo modo […]
    Magamagò
  • Soffi cardiaci (San Valentino) 28 giugno 2017
    Rumori. Che si provocano per una vertigine del sangue, un moto vorticoso che fa vibrare le valvole e il cuore intero. A volte più intensi e accompagnati da un fremito, quando accosti la mano, superando il pudore, per palpare il petto. Musicali per l’orecchio, o come un canto di gabbiano, oppure aspri, perfino duri. Nei […]
    Gigi
  • Testamento 14 giugno 2017
      TESTAMENTO: dal greco diatheke “patto” Come dite dottorè? Si lo so cos’è il testamento biologico, o dichiarazione anticipata di trattamento. Non ho studiato molto ma mi tengo aggiornata, leggo, guardo la televisione e se non capisco qualche parola guardo nel vocabolario, o domando a qualcuno perché tante parole nuove o straniere nel mio vecchio vocabolario […]
    Magamagò
  • Manca qualcosa? 31 maggio 2017
    La guerra in Afghanistan (quest’ultima intendo…) è iniziata nell’Ottobre 2001… Sì lo so, mi sembra già di sentirvi… ma che palle questo qui con la guerra in Afghanistan, e ormai non ne parla più nessuno, e cosa c’è da dire ancora, il solito pacifista rompiballe… ALT, fermatevi un momento. Rilassatevi, tranquilli… dedicatevi questi 10 minuti […]
    Giramondo
Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità alcuna e, pertanto, non rappresentano “prodotto editoriale” si sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001

Questo sito ed i suoi contenuti, quando non diversamente indicato, sono di proprietà dell’autore e pubblicati, salvo diversa indicazione, sotto una Licenza Creative Commons by-sa
Creative Commons License

Sulle modalità d’uso al di fuori di suddetta licenza si prega di contattare il gestore del sito

I nomi ed i marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari

Website personale di
Mario La Vedova

Content Info
Site last updated 6 agosto 2017 @ 12:07;
This content last updated 27 gennaio 2011 @ 17:54;