Est modus in rebus

[simage=227,320,y,left]Ascea (Sa)
Domenica 15 nov 09, ore 7.50

Il Mare è nell’aria …

Mi ci voleva proprio questa week-end. Ho passato ore piacevoli con nuovi amici. E’ stato bello dormire, di nuovo, dopo tanto tempo, con il dolce cullare delle onde che si infrangono sulla battigia.
Il pensiero è andato a momenti, a cose e a persone lontane nel tempo e nello spazio ma non solo … anche a persone e a vicende vicine, a pezzi del mio Cuore che ora soffrono, che soffrono per cose successe su queste stesse spiaggie su cui si rompono, come i loro sentimenti, le onde; sotto quelle stesse stelle che l’altra sera splendevano, come le emozioni di quei momenti, chiare e limpide sulla mia testa come solo in una tersa e fredda notte di inizio inverno può succedere; che davanti a questo stesso, placido, mare hanno vissuto e l’hann fatto intensamente e solo questo conta … perché meglio aver combattuto, aver amato ed aver perso che non averci mai provato perche’ paralizzati dalla paura di quello che sarebbe potuto succedere. Ed anche se ora non sanno quello che sentono, quel che vogliono ne, tanto meno, come ottenerlo … beh, in fondo al loro Cuore c’è già la risposta ai loro dubbi, alle loro sofferenze, così come c’è scritto che, qualsiasi cosa succeda loro, non saranno mai sole

E’ stato bello passare un po’ di tempo lontano da tutte le cose brutte che stanno succedendo in questo periodo.

E poi il risveglio, nella quiete più assoluta fatto salvo il suono del mare, il mio riscaldarmi ai raggi di un giovane e tiepido sole di una mattina di metà novembre, il mio abbandorami al “rumore del Mare” – come dice Baricco – e lasciarmi condurre, senza paure ne angosce, in un viaggio dentro e fuori di me certo che qualsiasi dolore o ferita sarebbe stata guarita dal quella rassicurante voce: mi son sentito molto Bartleboom!
Che serenità ti può dare il mare, quanti consigli ti può suggerire, quante vie ti può mostrare … il Mare!

Ed ora son qui, al sole, mentre tutti dormono, sveglio da quasi due ore con quattro ore di sonno addosso dopo una giornata lunga ventitre, con tanti kilometri fatti e molti ancora da fare. Eppur son sereno, riposato, eppur son ristorato nel Cuore e nell’Animo. Spero che riesca a non rompere questa “magia” per qualche ora ancora …

ed il rumore del Mare è nell’aria … ed il rumore del Mare è dentro di me …

—————-
On Air: Depeche Mode – Enjoy The Silence (Acoustic Version)
via FoxyTunes

What's Happening Recommended by Hashcore

Twitter
  • Jogging 20 febbraio 2017
      Corro. Jogging pigro di una fredda mattina di febbraio. Aria umida nelle narici. Gambe pesanti, corpo intorpidito dal lungo inverno. Mentre ascolto il ritmo affannato del mio respiro, la mente divaga E mi viene in mente lui. Jack. 8 anni, un’intelligenza fuori dal comune. Ragazzino educato, vispo, curioso. Si era accorto che qualcosa non […]
    Gio
  • Per te 6 febbraio 2017
    Non vorresti capitasse mai, ma ecco che improvvisamente, in un tempo sospeso arriva in reparto il tuo collega… ma come paziente. Il problema è che io lavoro in hospice. Le paure si moltiplicano, le notizie che arrivavano attraverso gli altri e che sembravano ovattate e lontane ora sono realtà che ti spiazza. Come è difficile […]
    TNT69
  • Ombre della notte 27 dicembre 2016
      Domenica notte, freddo e nebbiolina. “codice giallo –  evento violento in strada – dinamiche non note!”  Queste le confortanti informazioni, di quello che è ormai il terzo servizio di fila della nottata. Il target è un po’ fuori dalle nostre classiche zone di intervento: ci vorranno tra i sette e i dieci minuti circa per raggiungerlo, […]
    Il Barelliere
  • Ascensore 20 dicembre 2016
      Sono in ospedale. All´ingresso principale due bambini sui tre e sette anni giocano a indovinare quale dei quattro ascensori arriverà per primo e si inseguono e corrono approfittando del fatto che la mamma, intenta a parlare con un’infermiera nel corridoio, non li veda. Come sempre non posso resistere e ingaggio il gioco con i […]
    Gio
  • La regola delle tre P 19 dicembre 2016
    “Una cosa che probabilmente la mattina non farete mai è guardarvi allo specchio e chiedervi: sono uno stronzo? (…) Probabilmente nel mondo ci sono dei veri idioti e di sicuro molti di loro hanno una buona opinione di sé. Non si considerano delle carogne, perché il prendere coscienza della propria stronzaggine è abbastanza difficile.” Eric […]
    Zoro
Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicià alcuna e, pertanto, non rappresentano "prodotto editoriale" si sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001

Questo sito ed i suoi contenuti, quando non diversamente indicato, sono di proprietà dell'autore e pubblicati, salvo diversa indicazione, sotto una Licenza Creative Commons by-sa
Creative Commons License

Sulle modalità d'uso al di fuori di suddetta licenza si prega di contattare il gestore del sito

I nomi ed i marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari

Background Image by Saffron Blaze (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Website personale di
Mario La Vedova

Content Info
Site last updated 31 gennaio 2017 @ 14:49;
This content last updated 25 marzo 2011 @ 16:09;