Est modus in rebus

Questo articolo è stato scritto più di un anno fa. I contenuti potrebbero non essere più aggiornati.

Odio dire “l’avevo detto” … ma come mi succede sempre piu’ spesso è vero, l’avevo detto.

L’avevo detto in tempi non sospetti, quando votai per la mozione Mussi; l’ho ripetuto in questi anni a chi me lo chiedeva e pochi mi davano ragione, pochi ascoltavano le mie analisi … eppure erano, almeno in parte, corrette.

Gia’, perche’ il PD è nato male e Veltroni, per quanto si sia sforzato, non è riuscito a gestire l’immenso transatlantico in stile Titanic cui era messo a capo.
E’ nato male perchè gli apparati dei due partiti non sono stati adeguatamente preparati; è nato male perche’ dalla fusione ne è un grosso carrozzone che invece di avere i problemi separati e “gestibili” semplicemente li ha accorpati … e in qst caso i problemi non si sommati in maniera aritmetica ma sono aumentati in modo esponenziale …. con il risultato che l’unico modo di uscirne è un periodo di guerra intestina volto a ristabilire i reciproci ruoli e rapporti di forze, solo che la guerra interna non aiuta quando si è in guerra anche con l’esterno perche’ divide le forze, perche’ disperde le energie …

E Berlusconi, si, il tanto odiato Berlusconi, si è fatto furbo e, seguendo i consigli dei tanti analisti, ha attaccato nel modo e nei tempi giusti, consapevole che l’unica cosa che li tiene uniti è lui … venuto meno l’antiberlusconismo, ecco che il nemico perde pezzi!!

Eppure le capacita’ Veltroni le ha, non è l’ultimo arrivato, pè uno che di apparati di partito ne sa (forse non come baffetto ma ne sa!) … sara’ mai governabile quel Titanic?

Questo non vuole essere un post di quelli pesanti sulla mozione mussi e sul nascente PD … vuole solo esser un post di spiegazioni del perche’, unico nella mia sezione, ho votato la mozione mussi.

Beninteso … non sono contro il Partito Democratico anzi, sono convinto che sia un passo indispensabile ed inderogabile per la migrazione del sistema politico italiano verso una nuova forma, forse la Terza Repubblica, tuttavia quello che penso eì che si siano sbagliate le tappe di avvicinamento a questa svolta (forse una vera e propria rivoluzione!).

Si, perche’ per fare il PD si doveva PRIMA fare un processo di svecchiamento di apparati di partito dove regna la gerontocrazia e, quindi, un certo modo di vedere le cose, il partito e la politica.

Si dovevano pulire i partiti, snellire e aggionare; vi si doveva fare una iniezione di giovani nei posti chiave e nelle camere di controllo non nei corridoi; si dovevano creare delle situazione di confronto intra ed inter partito che mirassero a questo … ma non e’ stato fatto. Semplice.

Non conveniva o non e’ stato pensato da chi era davanti ai bottoni … non e’ stato preteso da chi poteva e DOVEVA pretenderlo!

MA questo fa parte di tutta una serie di problemi che affligono la nostra classe politica, la nosta classe dirigente. Una classe dirigente che si e’ trovata, di punto in bianco dalla 5° fila alla prima senza sapere ne come ne quando (nella maggior parte dei casi); una classe politica (sia a dx che a sx, beninteso) che non ha un le palle per fare un progetto a lungo termine che esuli dalla mera denigrazione dell’avversario di turno (ancora ieri l’altro ho sentito senatori che seguivano le linee guida dell’antiberlusconesimo … ma che tritezza!!) o dall’uso politco della magistratura!

Oramai in Italia i problmi politici sono problemi giudiziari e/o scandali vari …

Polici di razza oramai non ce ne sono piu’ … cosi’ come non esiste una dx ed una sx … montez e’ di sx mentre bertinotti mi sembra quasi di dx … ma poi, nel 2007 ha ancora senso parlare di dx e di sx? MI chiedo io … forse no!

Persone che abbiano la capacita’ e l’inventiva di prendere decisioni e di portarle fino in fondo anche se questo vuol dire rompere una maggioranza che, poi, tale non e’ ma solo un carrettone su cui sono tanti piccoli ipocriti.
Come diceva qualcuno: un gulliver tenuto prigioniero da tanti piccoli lillipuziani!!

A me quello che ha detto montez non e’ dispiaciuto per nulla … e credo che almeno lui le cose il coraggio lo abbia per fare quello che serve ad un Paese …. bah, vedremo!

Postato Venerdi 08 Giugno 2007 – 11:39
http://mariolv.altervista.org/index.php?mod=read&id=1181295551


Twitter
  • Centomila minuti 10 novembre 2017
      “Mi vieni a trovare?”…sussurra la voce sottile dietro un naso affilato e un paio di occhiali ormai diventati troppo grandi per l’estrema magrezza dello sperimentare così tanta malattia…”se mi trasferiscono in in medicina mi vieni a trovare?…ho paura! qua mi state tutti dietro, mi controllate..” Certo che ci vengo, ci vengo tutti i giorni […]
    Benedetta Galgani
  • Brutto, sporco e cattivo. 25 settembre 2017
    Mentre lo trasbordano dalla barella dell’ambulanza, emana una nuvola di polvere e un fetore che ti tiene lontano, a metri di distanza; ha una casacca e dei pantaloni luridi, bagnati e spessi da cui cascano piccoli pezzi di terra ed erba e chissà cos’altro Il volto paonazzo, la barba bionda tutta appiccicata, fa tutt’uno con […]
    rem
  • No woman, no cry 23 luglio 2017
      “Vi supplico di essere indignati” (Martin Luther King) Immagino che molti lettori di questo blog abbiano letto di un fatto accaduto all’Ospedale San Paolo di Savona, dove a causa di un devastante sommarsi di pregiudizi, disinformazione e forse addirittura di pettegolezzi di quartiere un paziente ha rinunciato a sottoporsi ad un intervento chirurgico soltanto […]
    Storyteller
  • Questo o quello… per me pari sono 6 luglio 2017
      Stanotte gliela voglio raccontare io una storia a quella dottoressa che scrive racconti nelle pause, brevi pause notturne, durante il suo lavoro in Rianimazione. Io lo so che a volte scrive al computer quello che le passa per la mente, quello che le passa per il cuore: ognuno di noi ha un suo modo […]
    Magamagò
  • Soffi cardiaci (San Valentino) 28 giugno 2017
    Rumori. Che si provocano per una vertigine del sangue, un moto vorticoso che fa vibrare le valvole e il cuore intero. A volte più intensi e accompagnati da un fremito, quando accosti la mano, superando il pudore, per palpare il petto. Musicali per l’orecchio, o come un canto di gabbiano, oppure aspri, perfino duri. Nei […]
    Gigi
Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità alcuna e, pertanto, non rappresentano “prodotto editoriale” si sensi della Legge n. 62 del 7 marzo 2001

Questo sito ed i suoi contenuti, quando non diversamente indicato, sono di proprietà dell’autore e pubblicati, salvo diversa indicazione, sotto una Licenza Creative Commons by-sa
Creative Commons License

Sulle modalità d’uso al di fuori di suddetta licenza si prega di contattare il gestore del sito

I nomi ed i marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari

Website personale di
Mario La Vedova

Content Info
Site last updated 14 novembre 2017 @ 21:45;
This content last updated 27 gennaio 2011 @ 17:55;